Papa Francesco ai parroci: «Accogliete anche le coppie che decidono di convivere»

Papa Francesco ai parroci: «Accogliete anche le coppie che decidono di convivere»
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Febbraio 2017, 14:21 - Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio, 08:54

I giovani che scelgono la convivenza al posto del matrimonio devono essere accolti, ascoltati. Nei loro confronti la Chiesa deve avere l'atteggiamento di chi comprende. Lo esorta papa Francesco, incontrando i parroci che hanno preso parte al corso organizzato in questi giorni sul nuovo processo matrimoniale, promosso dal Tribunale della Rota Romana. «Fatevi prossimi, con lo stile proprio del Vangelo, nell'incontro e nell'accoglienza di quei giovani che preferiscono convivere senza sposarsi. Essi, - sottolinea Bergoglio - sul piano spirituale e morale, sono tra i poveri e i piccoli, verso i quali la Chiesa, sulle orme del suo Maestro e Signore, vuole essere madre che non abbandona ma che si avvicina e si prende cura. Anche queste persone sono amate dal cuore di Cristo. Abbiate verso di loro uno sguardo di tenerezza e di compassione». Il Papa esorta a «sostenere quanti si sono resi conto del fatto che la loro unione non è un vero matrimonio sacramentale e vogliono uscire da questa situazione. In questa delicata e necessaria opera fate in modo che i vostri fedeli vi riconoscano non tanto come esperti di atti burocratici o di norme giuridiche, ma come fratelli che si pongono in un atteggiamento di ascolto e di comprensione».

Il Pontefice ricorda che «quanto è stato discusso e proposto nel Sinodo dei Vescovi sul tema 'Matrimonio e famiglià, è stato recepito e integrato in modo organico nell'esortazione apostolica Amoris laetitia e tradotto in opportune norme giuridiche contenute in due specifici provvedimenti: il Motu proprio Mitis Iudex e il Motu proprio Misericors Iesus. È una cosa buona che voi parroci, attraverso queste iniziative di studio, possiate approfondire tale materia, perché siete soprattutto voi ad applicarla concretamente nel quotidiano contatto con le famiglie». «Nella maggior parte dei casi - ricorda Francesco ai parroci - voi siete i primi interlocutori dei giovani che desiderano formare una nuova famiglia e sposarsi nel Sacramento del matrimonio. E ancora a voi si rivolgono per lo più quei coniugi che, a causa di seri problemi nella loro relazione, si trovano in crisi, hanno bisogno di ravvivare la fede e riscoprire la grazia del sacramento; e in certi casi chiedono indicazioni per iniziare un processo di nullità. Nessuno meglio di voi conosce ed è a contatto con la realtà del tessuto sociale nel territorio, sperimentandone la complessità variegata: unioni celebrate in Cristo, unioni di fatto, unioni civili, unioni fallite, famiglie e giovani felici e infelici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA