LUIGI DI MAIO

Di Maio e la mail: «Ho commesso errore, sottovalutato mail. Su di me montato un caso»

Mercoledì 7 Settembre 2016
14
Di Battista e Di Maio
Annuncia decisioni imminenti e si difende parlando di un «caso incredibile» montato dal «sistema dei partiti e dell'informazione legata ad essi». Parla alla comunità M5S, Luigi Di Maio, e lo fa con un post su Facebook postato poco dopo la pubblicazione in esclusiva sul sito del Messaggero della mail che dimostra come il vicepresidente della Camera fosse stato informato dell'indagine in corso sull'assessore pentastellato ai Rifiuti Paola Muraro.

Poi in serata a Nettuno con Di Battista, Fico e Grillo aggiunge: «Ho commesso un errore. Ho sottovalutato» il contenuto della mail che mi era stata inviata. «Non l'ho detto a Roberto, Carla, Carlo, Alessandro, l'ho sottovalutata e sono qui a dirvelo negli occhi», ha affermato dal palco di Nettuno Di Maio parlando del caso della mail su Muraro.

«Pensavo che l'accusa venisse da un manager del Pd, questo è quello che pensavo. E questa sera sono a dirvi che ho commesso un errore senza intermediari», ha detto ancora Di Maio sottolineando che il reato in cui è coinvolta Muraro potrebbe essere «punito anche con una multa ma noi adesso non abbiamo le carte per saperlo».

«No a logiche spartitorie, no alle Olimpiadi a Roma», ha poi sottolineato il vicepresidente della Camera. «Non accetteremo la logica delle Olimpiadi», ha ribadito.

«Dove erano i giornalisti quando mafia capitale si mangiava Roma, ora sono diventati tutti Sherlock Holmes», ha detto ancora Di Maio. «Stiamo cambiando ma mentre lo facciamo possiamo commettere degli errori - ha aggiunto - ma li facciamo senza togliervi un euro dalle tasche».

«Io voglio dire alcune cose. Non ai media - aveva scritto Di Maio in precedenza - ma ai cittadini, alla comunità del Movimento 5 Stelle, a tutti coloro che credono in questo Paese. Ci sono tante persone che, in questa accozzaglia di inciuci, gossip e scorrettezze non ci stanno capendo più nulla e vogliono risposte. Il sistema dei partiti e dell'informazione legata ad essi ha montato un caso incredibile che tocca a noi smontare in un minuto. E oggi lo sta montando anche su di me». 

«La verità e l'umiltà - continua - ci renderà più forti di prima. Il dialogo con le persone oneste porta avanti questo progetto. Non ci fermano». Luigi Di Maio dà quindi appuntamento a stasera a Nettuno per l'ultima tappa del tour Costituzione Coast to Coast con Alessandro Di Battista. Un tour, sottolinea «che ha visto la partecipazione di migliaia di cittadini» ma che, «guarda caso, è stato oscurato dai media, ma questa è un'altra storia. Ci guarderemo negli occhi, vi racconterò i fatti e ci parleremo senza intermediari», conclude. Anche Beppe Grillo sarà stasera a Nettuno al fianco di Luigi Di Maio e Alessandro di Battista. Il leader del movimento intende così dare l'immagine di compattezza dei Cinque Stelle. Il comizio sarà trasmesso sul blog del Movimento in diretta streaming e saranno presenti anche Carla Ruocco, Roberto Fico e Carlo Sibilia.

«Stasera tutti in piazza a Nettuno. Tappa conclusiva del #CostituzioneCoastToCoast. L'appuntamento per i motociclisti che vogliono 2scortarmi" a Nettuno è alle 18.15 a Sabaudia in Piazza Principessa Mafalda di Savoia. Poi da lì tutti quanti in macchina moto e motorino verso Nettuno dove, dalle 19.00 in poi, saremo in Piazza Cesare Battisti», ha scritto Di Battista in un post sul Blog. «Venite con noi. Coraggio - prosegue Di Battista -. C'è da riformare un sistema intero. Occorre difendere la sovranità e rispedire al mittente le riforme costituzionali di Renzi-Boschi-Verdini-Napolitano. Vi aspetto in piazza! #IoDicoNo».


Su Facebook interviene anche il deputato M5s Danilo Toninelli: «Qui a Roma i giornalisti ci rincorrono puntandoci la telecamera in faccia come se fossimo colpevoli di genocidio. La realtà è che ce la stiamo mettendo tutta e stiamo lavorando per i cittadini. Se abbiamo commesso degli errori lo abbiamo fatto in buona fede e comunque vi rimedieremo subito. Noi possiamo farlo perché non dobbiamo rendere conto a nessuno se non alla gente. Io non sono preoccupato e vi prego di non esserlo anche voi».
Ultimo aggiornamento: 21:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma