Assolti tifosi di calcio antisemiti, la Comunità ebraica al ministro Orlando: «Precedente allarmante»

Lunedì 6 Febbraio 2017 di Franca Giansoldati
1
Roma “Gli antisemiti dovrebbero essere perseguiti, condannati e non assolti”. La Comunità Ebraica di Roma ha scritto al Ministro della Giustizia, Orlando e al vice presidente del Csm, Legnini dopo la sentenza di assoluzione emessa dal Gup del Tribunale di Roma su due tifosi denunciati per diffusione di odio razziale per avere intonato allo stadio “il triste e ricorrente coro, giallorosso ebreo”.

I due tifosi sono stati prosciolti perché, secondo i magistrati, il fatto non sussiste. La presidente della Comunità ebraica, Ruth Dureghello ha spiegato nella lettera che si tratta “di un precedente allarmante per la giustizia di questo Paese che, in  sostanza, legittima l’utilizzo dell’aggettivo ebreo in forma dispregiativa e razzista e comunque come  strumento di derisione durante gli eventi sportivi”.

Dureghello ha anche illustrato nel dettaglio i rischi che deriverebbero da una “acritica e passiva accettazione di questa linea di pensiero”, con il risultato che le manifestazioni sportive diventerebbero delle zone franche dove poter esprimere in libertà anche commenti razzisti e antisemiti. “Solo pochi giorni fa, durante il Giorno della Memoria, abbiamo ricordato come un crescente clima di antisemitismo nella società italiana, maturato anche nelle aule di giustizia, fu il preludio al dramma della Shoah”.
 
 
  Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 16:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma