Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Usa, bimbo di cinque anni assiste all'omicidio dei genitori e chiama la polizia: «Mamma e papà sono stati uccisi»

Usa, bimbo di cinque anni assiste all'omicidio dei genitori e chiama la polizia: «Mamma e papà sono stati uccisi»
di Federica Macagnone
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Febbraio 2016, 16:14 - Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio, 13:05

Ha solo cinque anni ma la sua vita è stata segnata per sempre: un bimbo di Chattanooga, in Tennessee, ha chiamato la polizia per chiedere aiuto dopo aver visto un uomo entrare nella sua casa e uccidere a sangue freddo entrambi i genitori, George Dillard, 24 anni, e Lakita Hicks, 25.
 



Domenica alle 22.32 la polizia di Chattanooga ha risposto a una telefonata d'emergenza: dall'altra parte del telefono c'era un bimbo in lacrime che chiedeva aiuto. All'agente raccontava che stava giocando quando ha visto un uomo entrare in casa e sparare alla mamma e al papà. Lui, unico testimone del duplice omicidio, era rimasto illeso e aveva deciso di chiamare gli agenti.

«La mia mamma e il mio papà sono stati uccisi a colpi di pistola» ha detto il bimbo durante la chiamata. Quando gli è stato chiesto se ci fosse stata una colluttazione, il bimbo ha risposto di aver visto un uomo entrare e fare fuoco. Il piccolo poi è riuscito a dare l'indirizzo preciso della casa e a descriverla. «Dove sei? Quando è successa la sparatoria? I tuoi genitori ti stanno parlando?» ha chiesto all'agente. «Ehm, io sono a casa, sto guardando i cartoni animati, i miei sono morti e io sono da solo. Puoi dire ai poliziotti di venire?».
Cinque minuti dopo la chiamata, gli agenti hanno fatto irruzione in casa. Il piccolo era seduto sul divano. A pochi metri da lui, stesi in terra, i corpi di George e Latika.

Lunedì la polizia ha rivelato che George era un membro di una gang conosciuta, ma non è ancora chiaro se il duplice omicidio sia il frutto di un regolamento di conti. Nel 2012 George era stato ferito con un colpo di pistola ma era riuscito a sopravvivere: l'uomo lascia tre bimbi piccoli che adesso si trovano a casa di un parente. Per il piccolo che ha assistito all'omicidio dei genitori inizia una lunga fase di recupero: difficilmente riuscirà a dimenticare quello che è accaduto proprio sotto i suoi occhi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA