Strage Erasmus, studentessa scampa alla tragedia per caso

Strage Erasmus, studentessa scampa alla tragedia per caso
2 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Marzo 2016, 17:50 - Ultimo aggiornamento: 17:51

Tra gli studenti Unimore, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, soggiornanti a Barcellona presso l'Università Autonoma, una delle tre della capitale catalana, c'è anche la giovane Claudia Tomaiuolo, iscritta al corso di laurea magistrale di Biologia sperimentale applicata che avrebbe dovuto partire con la comitiva dei colleghi, recatisi a Valencia, purtroppo terminata domenica mattina con la terribile tragedia stradale nei pressi di Tarragona.
 



Lo fa sapere Unimore in una nota. «Io non ho molto da dire ha detto la ragazza contattata dall'Ateneo poco dopo l'accaduto- poiché per un puro caso e una serie di coincidenze (cellule non cresciute a sufficienza, sono in Erasmus e frequento un laboratorio per realizzare la mia tesi) non sono potuta partire e con me una mia amica che era intenzionata a visitare Valencia, qualora fossi andata anch'io».

«A parte la consapevole fortuna che ho avuto e l'immensa tristezza per tutti quei ragazzi venuti in Spagna per vivere una bellissima esperienza che, purtroppo, si é rivelata tragica, spezzando le loro vite troppo presto e lasciando i loro genitori nella più grande disperazione, non ho molto da dire -ha proseguito la studentessa- Alcuni di quei ragazzi facevano parte del gruppo con cui andavo a ballare il martedì (giornata Erasmus). Credo tutto ciò sia davvero assurdo e dimostra quanto sia fragile la nostra vita di fronte all'imprevedibilità degli eventi».

Il direttore del Dipartimento di Giurisprudenza prof. Luigi Foffani nella tarda mattinata -si legge in ancora nella nota di Unimore- dopo aver raggiunto telefonicamente il fratello della ragazza, che si trova coi genitori a Barcellona, ha trasmesso ai famigliari anche a nome del Rettore prof. Angelo O. Andrisano questa mail: «Siamo tutti molto vicini a Lei e a tutta la Sua famiglia in questo momento così difficile. Come già detto al telefono, consideri il Dipartimento di Giurisprudenza, l'Ufficio mobilità studentesca e tutto l'Ateneo di Modena e Reggio Emilia a completa disposizione per tutto quello che si possa fare in questi giorni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA