Pakistan, poliomielite fuori controllo: terroristi uccidono 4 operatori sanitari

Giovedì 27 Novembre 2014
Centinaia di nuovi casi di poliomielite uniti ai disordini, al caos politico e alle continue esplosioni di violenza stanno trascinando il Pakistan in uno stato di crisi profonda. Il paese è diventato l'incubatore centrale della malattia che non si riesce a tenere sotto controllo. Il numero di nuovi casi nel Paese è di 260 solo nell'ultima settimana. Il ritmo è quattro volte superiore a quello dello scorso anno. La malattia si sta diffondendo rapidamento nonostante le promesse del primo ministro Nawaz Sharif e di altri esponenti del governo.



Aiuti internazionali uniti al lavoro degli operatori sanitari non stanno riuscendo ad ottenere risultati apprezzabili. All'emergenza sanitaria si è unito un altro grave problema, violenze settarie hanno preso di mira gli stessi operatori. Nell'ultima settimana 4 lavoratori sanitari sono stati uccisi. E dal 2012 le vittime tra loro ha raggiunto quota 65. I gruppi di miliziani prendono spesso di mira la campagna contro la poliomielite, che considerano una copertura per condurre azioni di spionaggio. È stata anche diffusa la teoria che il vaccino anti polio sia causa di infertilità.
Ultimo aggiornamento: 20:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA