Omicidio Litvinenko, due testimoni:
«Si è contaminato da solo
con il polonio»

Litvinenko ricoverato in ospedale in un fermo immagine del Tg1
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Aprile 2015, 15:04 - Ultimo aggiornamento: 10 Aprile, 08:56

Aleksandr Litvinenko, l'ex spia russa uccisa con il polonio a Londra nel 2006, potrebbe essere entrato in contatto accidentale con la fatale sostanza radioattiva prima dell'incontro del 16 ottobre dello stesso anno in un ristorante della capitale britannica con l'ex collega Andrei Lugovoi e l'imprenditore Dmitri Kovtun, entrambi sospettati di aver somministrato quel giorno il polonio nel tè alla vittima. Lo ha sostenuto oggi a Mosca lo stesso Kovtun in una conferenza stampa nella sede dell'agenzia Interfax.

Kovtun ha ribadito di essere pronto a testimoniare in video conferenza al processo in corso a Londra se la corte gli garantirà lo status di «core participant» (parte principale). «Il 16 ottobre, entrando nel ristorante Litvinenko mi ha detto che non poteva mangiare nulla con noi perchè la notte prima aveva avuto un'intossicazione e aveva vomitato terribilmente, chiamando un medico del pronto soccorso», ha raccontato Kovtun. «Questo dimostra la nostra assoluta estraneità» all'avvelenamento, ha aggiunto. «Per me è un mistero che gli investigatori non ci abbiano fatto caso», ha proseguito, chiedendo di accertare la circostanza «perchè sono rimaste senz'altro le prove che un medico fu chiamato nella notte tra il 15 e il 16 ottobre».

«Queste prove cambiano completamente il quadro dell'accaduto e dimostrano che io e Lugovoi abbiamo ragione», ha sottolineato. A suo avviso, Litvinenko potrebbe essere entrato in contatto col polonio qualche giorno prima dell'incontro in questione, per un «incidente»: «Sono più che convinto che maneggiava il polonio senza neppure saperlo. Può darsi sia stata una fuga e che il polonio si sia accumulato gradualmente nel suo organismo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA