Terrorismo, allerta per Capodanno: agenti e varchi in tutte le città

Terrorismo, allerta per Capodanno: agenti e varchi in tutte le città
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Dicembre 2016, 17:13

Capodanno all'insegna dell'allerta terrorismo in molte città d'Italia. A Milano metal detector, telecamere ad alta definizione, ma anche l'uso di smartphone per vigilare su piazza Duomo per il concertone. Il sistema di sicurezza è già scattato da giorni con l'installazione dei dissuasori di cemento per prevenire la possibilità che un tir possa piombare sulla folla, come nelle stragi di Nizza o di Berlino. Per il Concertone «ci sarà massiccio impegno delle forze di polizia», assicura il questore Antonio De Iesu, che parla di centinaia di uomini impiegati. «L'area del Duomo sarà perimetrata con sette varchi di accesso presidiati con non meno di sei uomini delle forze di polizia con mitra e metal detector. Sarà fatta un'attenta selezione di chi entra», garantisce il questore in occasione della conferenza stampa di presentazione del bilancio 2016.

«Faremo un controllo stretto, rigoroso, per evitare che entrino bottiglie, petardi, armi o altri oggetti pericolosi», evidenzia. Sarà impiegata anche la tecnologia più all'avanguardia: quattro le telecamere fisse che restituiranno in modo nitido quanto accadrà in piazza, oltre ad agenti in borghese radiolocalizzati e pronti a 'inquadrarè gli angoli più a rischio. «Avremo a disposizione 40 smartphone affidati a uomini della Scientifica che ci restituiranno le immagini di quanto accadrà in diretta. Si tratta di una tecnologia che usiamo per i grandi eventi», spiega il questore. Attraverso la tecnologia Lte e un sistema di trasmissione delle immagini dedicato alle forze di polizia, dalla sala operativa sarà possibile vedere in diretta cosa succederà tra la folla con la possibilità di occhi 'mobilì e ben localizzati.

Anche a Verona sono entrate in funzione le misure di sicurezza previste dal piano antiterrorismo scattato dopo l'attentato di Berlino. Sono state posizionate in corso Porta Nuova le barriere di cemento (new-jersey) che, fino alle ore 9 di lunedì 2 gennaio, per motivi di sicurezza, bloccheranno il transito in piazza Bra, così come disposto dalla Prefettura e dalla Questura. Tutto il trasporto pubblico è deviato sulle strade adiacenti, mentre è sempre garantito l'accesso dei mezzi di soccorso e di emergenza e il passaggio dei taxi. «L'obiettivo - ha spiegato il sindaco Flavio Tosi - è garantire la sicurezza delle migliaia di persone che vogliono festeggiare il Capodanno in piazza». «Le barriere di cemento - ha aggiunto - creano un percorso a slalom che consente il passaggio di mezzi d'emergenza e soccorso ma impedisce che, ad esempio, un camion possa raggiungere la Bra, come purtroppo accaduto altrove».

A Padova si è decisa la collocazione in Prato della Valle di una dozzina di 'panettonì e di alcuni new jersey in cemento nei varchi più stretti per scongiurare attacchi terroristici come accaduto recentemente a Berlino e lo scorso luglio a Nizza. La decisione è stata presa al termine della riunione tecnica organizzata questa mattina in questura a Padova. In corrispondenza di questi varchi saranno posizionate anche forze di polizia che con metal detector, unità cinofile e artificieri per eseguire controlli e perquisizioni a campione. Un centinaio le persone coinvolte nel dispositivo di sicurezza tra polizia di stato, polizia locale, carabinieri, vigili del fuoco, guardia di finanza, equipaggi antiterrorismo, protezione civile, Digos e militari in borghese. Disposto inoltro il divieto di vendita di alcolici per asporto dalle 21 alle 3. Lo stesso dispositivo, con 'varchì limitati e controlli a campione, sarà replicato anche il prossimo 6 gennaio in occasione dei festeggiamenti dell'Epifania e del tradizionale falò.

Metal detector e controlli rafforzati anche al capodanno del piazzale Michelangelo a Firenze con Marco Mengoni: ad annunciarlo, oggi nel corso della presentazione dell'evento in Palazzo Vecchio è stato il sindaco Dario Nardella. «Ci sarà particolare controllo di tutte le piazza del Capodanno a Firenze - ha spiegato il sindaco - e ci saranno prescrizioni precise per Piazzale Michelangelo: mi riferisco al filtraggio delle persone con presenza di metal detector e forze dell'ordine». Il sindaco ha invitato anche a non portare al piazzale «oggetti contundenti o botti», perché non saranno ammessi, ed ha lanciato un appello alla cittadinanza affinché «rispetti Firenze nei festeggiamenti del Capodanno». Non ci sarà, come di consueto, alcuna ordinanza antibotti ma «forte vigilanza in particolare sull'aspetto della vendita», ha garantito Nardella.

© RIPRODUZIONE RISERVATA