Rimini, beve da una bottiglietta e muore: era soda caustica

Beve da una bottiglietta e muore: "L'aveva comprata al supermarket". Era soda caustica
2 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Aprile 2017, 17:24 - Ultimo aggiornamento: 30 Aprile, 08:41

Stefano Amadori, l'idraulico di 54 anni di San Clemente, morto dopo aver ingerito una sostanza corrosiva, potrebbe aver fatto tutto da solo. È solo un'ipotesi al momento, che il medico legale Donatella Fedeli ha comunicato al procuratore capo, Paolo Giovagnoli e al sostituto che coordina le indagini dei carabinieri, Paola Bonetti.

Amadori, stando al medico, avrebbe ingerito una tale quantità e in una tale concentrazione di sostanza corrosiva, non diluita quindi, che potrebbe far pensare ad un gesto volontario. Insomma le indagini, a parte il sabotaggio, non escludono nulla neanche il suicidio. «Il sabotaggio è da escludere» ha detto all'Ansa il comandante provinciale dell'Arma, il colonnello Mario Conio. Come ha confermato il procuratore Giovagnoli si indaga con «l'ipotesi di reato di avvelenamento di alimenti e di morte conseguente ad altro reato». Il ritiro della partita di aranciata e l'intervento del Nas è stato un atto proprio per escludere l'ipotesi di contaminazione delle bevande in vendita.

Quindi nessun allarme sulle aranciate in vendita a Rimini. Sarà la relazione del medico legale a stabilire definitivamente la cause della morte, si pensa infatti che Amadori possa aver ingerito anche altre sostanze nocive oltre a quella corrosiva. Sul perché le indagini si siano concentrate sull'aranciata è poi presto spiegato dal fatto che lo stesso 54enne nella telefonata ai soccorsi parla, a fatica e con voce già strozzata dal dolore, della bibita come causa del suo malessere. I carabinieri però in casa dell'idraulico hanno sequestrato anche altro materiale e contenitori di liquidi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA