Bimba morta dimenticata in auto ad Arezzo: tutti i precedenti

Bimba morta dimenticata in auto ad Arezzo: tutti i precedenti
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 7 Giugno 2017, 17:36 - Ultimo aggiornamento: 17:39

Una bambina di 18 mesi è morta dopo essere stata dimenticata in auto sotto al sole. La tragedia, avvenuta a Castelfranco di Sopra (Arezzo), ricalca drammaticamente altri casi simili avvenuti in passato. Ecco alcuni dei più recenti.

- 27 LUGLIO 2016: Una bambina di 18 mesi muore all'ospedale Meyer di Firenze dove viene ricoverata dopo essere stata lasciata dalla madre per diverse ore sul seggiolino dell'auto a Vada, in provincia di Livorno.

- 1 GIUGNO 2015: Una bambina di 17 mesi muore dopo essere stata dimenticata in auto dai genitori a Vicenza per ore.

- GIUGNO 2013: A Piacenza un uomo dimentica il figlio di 2 anni in auto, andando a lavoro in uno stabilimento di via Bresciano. Per il bimbo, rimasto chiuso nella vettura per oltre 8 ore sotto il sole, non c'è nulla da fare.

- MAGGIO 2011: Jacopo, un bambino di 11 mesi, muore a Passignano sul Trasimeno, in provincia di Perugia. Il piccolo viene dimenticato in auto dal padre.

- MAGGIO 2011: A Teramo Elena, di 22 mesi, viene dimenticata in auto dal papà, un docente universitario. Il tempo passa, mentre la bimba è sotto il sole e trascorrono circa sei ore quando viene soccorsa, trasportata in ospedale e poi trasferita in eliambulanza all'ospedale materno-infantile 'Salesì di Ancona. Le sue condizioni, pur gravi, sembrano stabili, ma dopo alcuni giorni avviene un drammatico peggioramento. La piccola non ce la fa.

- MAGGIO 2008: Una bambina di quasi due anni muore dopo essere stata dimenticata in auto dalla mamma a Merate, in provincia di Lecco. La donna, 39 anni, doveva lasciare la piccola alla baby sitter prima di raggiungere la scuola dove insegna. La bimba però si addormenta e la madre si dimentica di lei.

Risale invece all'11 luglio 2015 una disavventura a lieto fine a Roma. Un uomo lascia in macchina un bambino di 3 anni per accompagnare l'altro figlio a scuola nel quartiere Esquilino. Dopo circa mezz'ora, alcuni passanti notano il bambino solo all'interno dell'auto sudato e in preda a un pianto disperato e contattano il commissariato di zona. Tempestivo l'intervento dei poliziotti che si mettono alla ricerca del genitore. Il bambino, intanto, sganciatosi dal seggiolino riesce a raggiungere le chiavi dell'auto chiudendola dall'interno. Uno degli agenti, senza esitare, infrange il vetro dello sportello anteriore recuperando il piccolo, visibilmente spaventato ma in buone condizioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA