Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terremoto, la terra trema ancora: nuova scossa di magnitudo 4.5 a Norcia e Macerata

Terremoto, la terra trema ancora: nuova scossa di magnitudo 4.5 a Norcia e Macerata
3 Minuti di Lettura
Sabato 3 Settembre 2016, 12:27 - Ultimo aggiornamento: 4 Settembre, 09:35

Se le scosse più lievi registrate nei giorni scorsi avevano fatto sperare qualcuno in una progressiva mitigazione anche dell'intensità delle repliche del terremoto del 24 agosto nel reatino, i sismologi hanno sempre saputo che nulla era scontato. Così non sono stati affatto colti di sorpresa dall'arrivo di due terremoti più forti: quello di magnitudo 4.5 avvenuto alle 12:18 nel Maceratese e quello di magnitudo 4.3 registrato nella notte, alle 3:34, nell'area di Perugia. Anche se le scosse si diradano, quindi, «non si può escludere un 'aftershock', una nuova scossa di dimensioni comparabili alla prima scossa» del 24 agosto scorso», ha detto la sismologa Silvia Pondrelli, dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), intervistata da Rai News24. «La sequenza sismica continua, ma rispetto a ieri - ha spiegato - l'energia rilasciata da questi terremoti è aumentata. Fino a ieri il numero di eventi sismici per giorno era in diminuzione, ma il trend poteva cambiare e oggi è accaduto».

Quanto sta accadendo è in linea con quanto prevedono i modelli teorici, ha osservato un altro sismologo dell'Ingv, Massimo Cocco. Al ridursi della frequenza delle scosse non corrisponde necessariamente anche la riduzione della loro intensità. Questo accade perché l'energia liberata dalla faglia responsabile del terremoto del 24 agosto ha attivato altre faglie vicine, tutte ben note ai sismologi.
«La faglia madre - ha spiegato Cocco - perturba il volume circostante, al punto che altre faglie più piccole che si trovano nelle vicinanze possono rompersi, dando le repliche». Si trovano tutte nell'area della faglia principale, ma in una zona davvero complessa dal punto di vista geologico. «Il 24 agosto si è attivato un intero sistema, nel quale i terremoti non si trovano su un unico piano e che suggerisce piuttosto l'idea di è una nuvola che sta intorno alla faglia principale», ha spiegato il sismologo Carlo Meletti, dell'Ingv. È questo intero sistema, nel quale si possono attivare anche porzioni di faglie, che dal 24 agosto ha dato origine a oltre 4.500 terremoti registrati dalla Rete Sismica Nazionale. Di questi 157 sono stati di magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0, mentre con le scosse forti avvenute oggi è salito a 15 il numero dei terremoti di magnitudo compresa tra 4.0 e 5.0. Un solo terremoto, infine, è stato di magnitudo maggiore di 5.0: quello (5.4) avvenuto alle 4:33 del 24 agosto nella zona di Norcia (Perugia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA