GOVERNO

​Salvini diserta anche l'ultimo Consiglio dei ministri. M5S: «Assurdo». Il Cdm approva tutti i decreti

Martedì 6 Agosto 2019
2
​Salvini diserta anche l'ultimo Consiglio dei ministri. M5S: «Assurdo»

Matteo Salvini si dimostra sempre più allergico alle riunioni di governo. Anche questa sera, mentre il Consiglio dei ministri approvava "salvo intese"  i decreti sulle crisi aziendali, sul settore lattiero caseario, sulle assunzioni nella scuola e il provvedimento che proroga di due mesi (in mancanza di un accordo tra Lega e 5Stelle sul successore) le funzioni del garante della privacy Antonello Soro, il leader leghista ha disertato la riunione.

Salvini: «La zingara? Presto le ruspe nel campo rom»

Ed è andato a fare un comizio ad Arcore. Dove ha parlato di ruspe contro i campi rom e si è scagliato di nuovo contro le navi che salvano i naufraghi nel Mediterraneo. La reazione dei 5Stelle non è tardata: «Mentre il governo è riunito a palazzo Chigi per approvare importanti provvedimenti che daranno sostegno a imprese e lavoratori, come ad esempio il decreto imprese, il ministro Salvini sta facendo un comizio ad Arcore. È assurdo».

Il Consiglio dei ministri, a quanto si apprende, ha approvato tutti i decreti all'ordine del giorno - il dl sulle crisi aziendale, il decreto sul settore lattiero caseario e il dl sulle assunzioni nella scuola - «salvo intese». L'approvazione «salvo intese», si apprende ancora, è dovuta al fatto che i decreti non possono andare in Gazzetta ufficiale domani.

«Certo che se i Consigli dei ministri li convocassero per tempo, non cambiassero orario nella stessa giornata perché uno si prende i suoi impegni .... Ma comunque l'importante è quello che si fa in Consiglio dei ministri». Così il ministro dell'Interno e vicepremier, Matteo Salvini, ha risposto ai giornalisti che gli hanno chiesto cosa pensa del fatto che il Movimento 5 stelle avrebbe polemizzato per la sua assenza in Cdm per essere presente ad un comizio ad Arcore, in Brianza, ad una festa della Lega.
 

Ultimo aggiornamento: 22:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA