Il post del leghista Gazzini: «Non c'è liberta senza razzismo». Poi precisa: «Io strumentalizzato»

Martedì 7 Luglio 2020
Il post del leghista Gazzini: «Non c'è liberta senza razzismo». Poi precisa: «Io strumentalizzato»

Bufera su Matteo Gazzini, ex candidato della Lega alle Europee a Bolzano, per un post su Facebook. «Non ci può essere libertà se non si permette ad una persona di essere razzista. Il problema non è il razzismo, ma la discriminazione che il razzismo crea e questo è inaccettabile in una società civile», ha scritto Gazzini il 4 luglio.

LEGGI ANCHE «Negra di mer..», «Orangotango»: il calciatore che insultò una donna sul web sospeso dalla squadra. La società: «Ma va riabilitato»

Ora interviene nuovamente sulla questione: «Un mio post riguardante il razzismo e la discriminazione è stato sapientemente strumentalizzato da persone in mala fede», scrive oggi. «Tale post - prosegue - voleva provocatoriamente sottolineare che di per sé un'opinione razzista, sebbene deprecabile, non è reato. Nei paesi liberi esiste la libertà di opinione (art. 21 Cost.) garantita addirittura costituzionalmente. Sottolineavo invece che il reato scatta quando l'opinione razzista sfocia nella discriminazione o altre condotte illecite, ed oltretutto avevo pure aggiunto che tale cosa era inaccettabile. Cosa invece preoccupante sono le fake news di odio riguardante un post che invece vuole fare solo ragionare», conclude Gazzini.

LEGGI ANCHE Razzismo, i piloti si spaccano: Hamilton s'inginocchia Leclerc e Vertappen no

L'Anpi di Bolzano, interviene sulla questione, ribadendo che «il razzismo non è un'opinione, ma un grave reato contro la dignità delle persone e l'umanità e come tale va combattuto senza se e senza ma. Lo dice la storia, che evidentemente Gazzini non conosce, ma lo dicono anche la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la Costituzione e le leggi della nostra Repubblica»

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA