«Fate il presepe a scuola», la lettera ai presidi piemontesi dell'assessore di Fdi fa discutere

Martedì 26 Novembre 2019
1

Trenta giorni al Natale, ma dello spirito che dovrebbe accompagnare le feste non sembra esserci ancora traccia. Almeno per quanto riguarda la politica, che in Piemonte si divide proprio sul 25 dicembre. A scatenare le polemiche è l'assessora all'Istruzione Elena Chiorino che, in una lettera ai direttori scolastici di tutte le scuole, li invita a promuovere presepi, recite e canti natalizi in linea con le tradizioni che sono - dice - «parte fondante della nostra identità».

Frase del presidente della Provincia su un concorso per presepi bandito dall'Ente scatena la bagarre politica

Nulla di più sbagliato, per le opposizioni, che accusano l'assessora di Fratelli d'Italia di avere violato l'autonomia scolastica esclusivamente con finalità propagandistiche. «Ritengo che la ricorrenza natalizia e le conseguenti tradizioni come il Presepe, l'Albero di Natale e le recite sulla Natività, siano parte fondante della nostra identità, che la Regione Piemonte intende tutelare e mantenere vive. Non si può e non si deve privare i nostri ragazzi, soprattutto i nostri bambini, dell'atmosfera e della magia del Natale», scrive ai dirigenti scolastici degli istituti di ogni ordine e grado l'assessora Chiorino. Convinta anche che «per coloro i quali vengono da altre realtà, si tratta di una preziosa occasione per conoscere usi e costumi del Paese, a vantaggio di una più concreta e armoniosa integrazione».

La proposta riceve il plauso niente meno che di Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d'Italia, convinta della necessità di difendere «la nostra identità». Non si esprime invece il viceministro all'Istruzione Anna Ascani: «vogliono che qualcuno gli dica che non lo devono fare. Ma noi non glielo diremo». In Consiglio regionale le opposizioni, dal Pd al Movimento 5 Stelle, si schierano contro. «Il presepe non si impone», «la religione non si sbandiera a fini politici», sono alcune delle prese di posizione. Lo stop arriva dalla sottosegretaria all'Istruzione, Lucia Azzolina. «Sto ricevendo le segnalazioni indignate di diversi capi di istituto che chiedono solo di essere lasciati in pace - rivela -. Manca un mese al Natale ed è già corsa alle dichiarazioni sul presepe. Se si avesse davvero rispetto per questi simboli, per queste ricorrenze e per l'alto valore che rivestono e, soprattutto, se chi fa certe richieste sapesse come funziona la scuola, non ci sarebbe davvero il bisogno di fare certe uscite, che sono buone solo per far parlare di sé».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma