GIUSEPPE CONTE

Prescrizione, Conte: «In settimana nuovo incontro, invito a non fermarsi su posizioni di principio»

Martedì 4 Febbraio 2020
​Prescrizione, Conte: «In settimana nuovo incontro, invito a non fermarsi su posizioni di principio»

Sulla prescrizione prende la parola il premier Giuseppe Conte. C'è un «tavolo che va avanti: in settimana fisserò un nuovo incontro e troveremo una soluzione per completare l'accordo su tutti gli aspetti della riforma del processo penale e troveremo una soluzione sulla prescrizione. Invito tutti a non fermarsi su posizioni di principio». Così il premier Giuseppe Conte, da Londra, negando che la soluzione sulla prescrizione sarà affidata al Parlamento.

LEGGI ANCHE --> 

«Non mi piace parlare di prescrizione. Io parlo, se volete parlare con me, di riforma del processo penale, dove dentro c'è anche la prescrizione. Dunque, sulla prescrizione mi addormento sereno la sera. Mi preoccupa invece accelerare i tempi della giustizia penale», ha spiegato Conte. «C'è un tavolo che va avanti e che non si è mai interrotto né sospeso, adesso già in settimana fisserò un nuovo incontro: continueremo a lavorare per completare il quadro che abbiamo già, siamo in fase avanzata di discussione,per completare l'accordo su tutti gli aspetti della riforma penale e troveremo una soluzione sulla prescrizione», ha poi assicurato il presidente del Consiglio, invitando «tutti a non rimanere abbarbicati su posizioni di principio». «I cittadini - ha quindi concluso - vogliono un servizio giustizia che sia equo, efficiente, che ovviamente garantisca la parità e l'eguaglianza per tutti i cittadini davanti alla legge. Questo ci chiedono, non ci hanno chiesto oggi una assoluzione sulla prescrizione».

Riprenderà domani pomeriggio l'esame del Milleproroghe nelle commissioni congiunte Affari costituzionali e Bilancio alla Camera. La seduta potrebbe proseguire in notturna. Mentre i temi spinosi, come prescrizione e concessioni, con ogni probabilità saranno affrontati in un vertice a Palazzo Chigi ancora da fissare. Fino ad adesso, gli emendamenti che intervengono su questioni che ancora dividono la maggioranza non sono stati trattati. Per domani sono attesi gli emendamenti del governo e i pareri sugli emendamenti ancora non votati.
 

Ultimo aggiornamento: 16:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA