LUIGI DI MAIO

Manovra, Di Maio: «Carcere per grandi evasori in decreto fiscale, nessuna lotta ai commercianti»

Giovedì 17 Ottobre 2019

Luigi Di Maio da Washington dedica una diretta Facebook alla manovra finanziaria appena approvata. In particolare per quanto riguarda l'evasione fiscale: «Non esiste una legge di Bilancio che fa la lotta all'evasione fiscale senza il carcere con pene severe ai grandi evasori, per noi è imprescindibile», spiega.

Manovra, stop all'aumento dell'Iva: ma nel 2020 ci saranno 8 miliardi di nuove tasse

Manovra, tetto contanti a 2 mila euro. È duello sulla plastic tax

«Un altro strumento da introdurre nella lotta all'evasione fiscale - ha detto Di Maio  - è la confisca per sproporzione». Vale a dire, ha spiegato, «quando si becca un grande evasore, uno che fa fatture false oltre i 100 mila euro, gli si confisca quello ha non solo per l'ammontare di quanto ha evaso ma anche un pò di più, così ha qualcosa da perdere un pò di più rispetto a quello che ha evaso e su cui non ha pagato le tasse». «È inutile che si terrorizzi il cittadino - ha spiegato Di Maio - perchè per fare fatture false oltre i 100 mila euro ci vuole una certa ingegneria dell'evasione, incoscienza e spregiudicatezza».
 

«Nella manovra c'è anche il cuneo fiscale, che è un inizio, che significa che nella busta paga non solo il lordo sarà bellissimo, ma inizia a essere più bello il netto», dice. 

Ultimo aggiornamento: 19:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Ristoranti acchiappa-turisti: l’invasione dei microonde

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma