GIUSEPPE CONTE

Stati generali secretati
A Villa Pamphilj
porte chiuse
e telecamere spente

Giovedì 11 Giugno 2020 di Marco Conti
ROMA La stagione dello streaming grillino è definitivamente conclusa. Gli Stati generali a Villa Pamphilj sono di fatto secretati. Lontani giornalisti e telecamere e niente segnale in bassa frequenza. Per ora l’unico evento pubblico in agenda, sarà la conferenza stampa finale che si terrà tra una decina di giorni. 




Nel frattempo il governo si appresta a chiedere al Parlamento un altro scostamento di bilancio. Dagli otto ai dieci miliardi di debito in più per affrontare nuove spese non previste nel decreto Rilancio. Si sfiorano quindi i cento miliardi di euro spesi, o impegnati, nel giro di tre mesi. Il tutto mentre ancora non si comprende da che parte l’esecutivo intenda orientare il Paese per intercettare la crescita che ci sarà il prossimo anno. 

Dagli  Stati generali, che dovrebbero iniziare sabato a Villa Pamphilj, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si attende idee e proposte, ma intanto è trascorsa un’altra settimana nella quale non si è mosso nulla e tutti i dossier continuano ad essere bloccati.

Si inizia sabato, dopo l’audizione di Conte con il pm di Bergamo che indaga sulle morti nelle Rsa e sulla mancata istituzione della zona rossa.

Nel frattempo il presidente del Consiglio continua i suoi incontri propedeutici agli Stati generali ricevendo a palazzo Chigi i capigruppo di maggioranza. Domani potrebbe essere la volta degli esponenti dell’opposizione che ieri hanno trovato una complicata intesa interna discettando sul luogo dell’incontro. Non sarà a Villa Pamphilj, ma a palazzo Chigi. Dopo l’incontro i tre partiti torneranno a dividersi sul rapporto da tenere con il governo.
Il commissario Ue Paolo Gentiloni dice che il denaro del Recovery Fund arriveranno a gennaio, ma che nel frattempo sarebbe bene sbrigarsi nel mettere a punto i progetti. © RIPRODUZIONE RISERVATA