GIUSEPPE CONTE

Ue, Albania e Macedonia
stop all’ingresso
Conte: errore storico

Venerdì 18 Ottobre 2019
ROMA «Un errore storico». Così il premier Giuseppe Conte ha definito il nulla di fatto sul processo di allargamento ad Albania e Macedonia del Nord. «È andata male», ha detto Conte spiegando che «non era necessario aprire, sarebbe bastato avviare la procedura. È stato un errore storico. Sono molto vicino all'Albania e alla Macedonia del Nord». «Questo - ha proseguito Conte - era un appuntamento con la storia: nel 1400 quelle comunità cadono sotto l'Impero ottomano, all'indomani della Seconda guerra mondiale cadono sotto il regime comunista. È da una vita che vogliono entrare in Europa, la loro aspirazione è entrare in Europa. Ieri, 2019, quindi sarà ricordato come un errore storico». «Dovevamo assolutamente aprire - ha proseguito - non si trattava di decidere se farli aderire o meno ma di avviare il negoziato per l'adesione, sono molto dispiaciuto. L'Europa, la commissione e tutti noi siamo stati fin qui promotori di un progetto riformatore, spero che questa delusione questa angoscia non li precipiti nel più grosso sconforto. L'Italia ci sarà sempre per loro». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma