Green pass, Orlando: «Pronti a tutte le misure per evitare le chiusure»

Green pass, Orlando: «Pronti a tutte le misure per evitare le chiusure»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Settembre 2021, 12:14

Il pensiero del ministro del Lavoro Andrea Orlando sull'estensione del Green pass è chiaro: «Noi siamo pronti a sostenere tutte le misure necessarie a fronteggiare il virus, sulla base delle valutazioni che farà il ministro della Sanità - ha detto a margine dell'evento di Generali sul welfare, a Roma -. Quindi, la linea per noi è molto chiara: tutto ciò che può evitare di tornare alle chiusure va utilizzato. Discutiamo qual è la forma, il modo, ma la direzione di marcia è chiara».

Green pass, frenata del Governo: estensione graduale, chi riguarderà la prima fase?

Tamponi a carico dello Stato

Poi a proposito dei tamponi a carico dello Stato richiesti da imprese e sindacati: «Intanto decidiamo cosa vogliamo fare sul green pass, poi come gestirlo credo sia una questione che verrà dopo». 

«Pnrr grande opportunità»

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) come «grande opportunità per potenziare il welfare». Parola del ministro del Lavoro Andrea Orlando, che prima di salire sul palco dell'evento di Generali dedicato al welfare ha dichiarato: «Che il welfare sia importante e non sia una cosa che viene dopo la competitività lo ha dimostrato, purtroppo, la pandemia», visto che «i Paesi che stanno reagendo meglio al trauma del virus sono quelli che hanno un welfare più forte. Il welfare può fare molto per i lavoratori sia in termini di promozione, di protezione, di valorizzazione», ha aggiunto. Ed è, per Orlando, «molto importante guardare a come in questi anni è cresciuto un welfare anche aziendale che integra e deve integrare quello pubblico», ha chiuso.

Il reddito di cittadinanza

Sui dati del reddito di cittadinanza, Orlando si dice molto «colpito dai dati, secondo cui tra il 5 e l'8% dei percettori del reddito di cittadinanza ci sono persone che non hanno la quinta elementare. E non sono anziani», giacché il fenomeno riguarda «anche i trentenni». 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA