Sondaggi politici, centrodestra al 49,8%: Meloni leader più menzionata sui social. Terzo Polo in crescita

Stabile la coalizione di centrosinistra, mentre appare in crescita il Terzo polo

Sondaggi, Centrodestra al 49,8%: Meloni la leader più menzionata sui social. Terzo polo al 7,5%
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Agosto 2022, 10:03 - Ultimo aggiornamento: 25 Agosto, 00:36

Il countdown è già iniziato. Dopo il deposito dei simboli e il rebus delle liste, ad attendere gli italiani ora sarà un intenso mese di campagna elettorale, in attesa dell'appuntamento con le urne del prossimo 25 settembre

I sondaggi 

L'ultima fotografia scattata dal sondaggio Tecnè tra il 17 e il 18 agosto parla chiaro: la coalizione di centrodestra consolida il suo vantaggio in prima posizione e sfiora il 50% (49,8%). A marcare la distanza di 20 punti percentuali dal centrosinistra (30%), non è solo la ricca dote di Giorgia Meloni per FdI (24,3%) ma anche la crescita Lega (12,9%) e di Forza Italia (11,4%).

A quota 30% è il centro sinistra a trazione dem, con il segretario Enrico Letta, guida la coalizione con il 23,5%. Stabile, il M5S, che mantiene al 10,2%. Cresce, invece, secondo Tecnè, il Terzo polo di Renzi e Calenda, al 4,8%

Una stima che trova conferma anche dalla rilevazione di Noto sondaggi dello scorso 20 agosto. In cui rimane in vantaggio il centrodestra, seppur a un più modesto 47,5%, mentre scende sotto il 30%, il centrosinistra (25,5%). In scalata, invece il M5S (12,5%) e il Terzo polo di Azione e Italia Viva (7,5%)

I social 

Nonostante il Ferragosto di mezzo e il calo dell'audience del 50% sui social, per il monitoraggio Leader & Social di Telpress, Giorgia Meloni, per la terza settimana di fila, resta la pià menzionata nella settimana 15-21 agosto con 3.700 citazioni. Segue Enrico Letta a 3.300. Silvio Berlusconi, con 933 menzioni, registra l'incremento piu' significativo con il 142,34% in più rispetto alla settimana precedente. C'è però il dimezzamento delle impression per i principali leader. L'unico che è riuscito a tenere alta l'attenzione è stato Carlo Calenda. In controtendenza Luigi Di Maio, che risale di oltre il 400% rispetto alle prime tre settimane di campagna elettorale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA