COPRIFUOCO

Dpcm, le Regioni: «Subito indennizzi per nuove chiusure»

Martedì 3 Novembre 2020
1
Dpcm entro stasera, lockdown light sul modello tedesco. Vertice con le Regioni alle 15.30. Zampa: «Non paralizziamo il Paese»

Il nuovo Dpcm contro il Covid imporrà il coprifuoco dalle 22 secondo la prima bozza trapelata. Il governo avrebbe sciolto la riserva: «Dalle ore 22.00 alle ore 5.00 sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È in ogni caso fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche, per tutto l'arco della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi». Le misure, si legge nella bozza, si applicano dalla data del 5 novembre e sono efficaci fino al 3 dicembre. 

Nuovo Dpcm, la bozza: zone rosse, stop a spostamenti (anche interni) e negozi chiusi. Coprifuoco nazionale alle 22

Le Regioni chiedono però al governo risorse contestuali al varo del Dpcm. Non solo: dall'incontro di oggi è emersa la preoccupazione che il ruolo degli enti locali venga meno. Inoltre, i governatori hanno chiesto di rivedere le norme sulla Dad. 

 

«Sono convinta che domattina ci sveglieremo con un Dpcm già pronto, quindi confido che entro stanotte il Dpcm arrivi a vedere la luce», ha detto a RaiNews24 il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa. «È molto complesso anche per il meccanismo che mette in moto - ha aggiunto - perchè attua una sorta di automatismo». Previsto un lockdown light, simile al modello tedesco, dice Zampa.

 

Saranno individuate tre aree con scenari di rischio e misure via via più restrittive. Potrebbero essere la Calabria, il Piemonte e la Lombardia le più toccate. 

Dpcm, Lombardia, Piemonte e Calabria verso il lockdown totale: cosa succederà regione per regione

Dpcm, misure per aree di rischio: Conte divide il Paese in 3, ma coprifuoco ovunque

 

 

Le nuove misure in base allo scenario

Nelle aree ad alto rischio che ricadono negli scenari 3 e 4 indicati nel documento dell'Iss - quelle caratterizzate da uno scenario di "elevata gravità" e quelle nelle quali ci sono situazioni di "massima gravità" - «è vietato ogni spostamento in entrata e uscita dai territori». È quanto prevede la bozza del nuovo Dpcm secondo il quale il provvedimento - che sarà adottato con ordinanze del ministro della Salute - può riguardare intere «Regioni o parti di esse». La differenza tra le zone che ricadono nello scenario 3 e in quelle che rientrano nel 4 sta nel fatto che in queste ultime sono vietati anche gli spostamenti «all'interno dei medesimi territori», dunque a livello comunale e provinciale.

Sileri: misure a durata temporanea

«Oggi è la giornata del Dpcm, ci saranno ulteriori confronti per le ultime limature dopo di che ci sarà quel che il presidente Conte ha annunciato alla Camera e al Senato. Immagino ci sarà stasera, dopo l'incontro con le regioni». Lo ha affermato a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri. Nel Dpcm, ha aggiunto Sileri, ci saranno delle limitazioni agli spostamenti. «Sicuramente. Se ci sono delle regioni ad alto rischio vi saranno delle limitazioni di spostamento tra queste e le regioni a basso rischio. I lockdown non saranno come a marzo e le misure avranno una durata temporanea. Serve un minimo indispensabile di due o tre settimane». 

Le differenze tra Regioni in base al livello di allerta

Mentre nelle Regioni "rosse" la scuola sarà in presenza solo fino alla prima media, le "gialle" potranno arrivare fino alla terza media. Questa, a quanto apprende l'Adnkronos, la linea emersa dall'incontro tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione delle forze di maggioranza.

Cdm giovedì per nuovo decreto ristori

Il governo accelera sul secondo decreto ristori da collegare alle chiusure che saranno previste con il nuovo Dpcm anti-Covid: secondo quanto si apprende da fonti di governo il provvedimento dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri già giovedì. Escluso invece, al momento, il ricorso a un nuovo scostamento di bilancio.

 

Dpcm, Lombardia, Piemonte e Calabria verso il lockdown totale: cosa succederà regione per regione

Cosa significa dividere le Regioni in tre fasce a seconda della gravità della situazione, come ha annunciato il premier Conte? Cosa succederà nei territori più a rischio? La verità è che il governo non l'ha ancora spiegato ai presidenti delle Regioni e anche ieri mattina se n'è parlato in termini molto generali.

 

 
Video

Video

 

Ultimo aggiornamento: 21:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA