LUIGI DI MAIO

Di Maio a Pompeo: «Dazi Usa ci preoccupano. Le aziende italiane devono avere certezze»

Mercoledì 2 Ottobre 2019
5
Di Maio a Pompeo: «Dazi Usa ci preoccupano. Le nostre aziende devono avere certezze»

Chissà se il pranzo offerto da Luigi Di Maio a Mike Pompeo nella cornice rinascimentale di Villa Madama contribuirà a convincere gli americani che forse i dazi sul parmigiano reggiano e altre eccellenze italiane non convengono al loro palato. Ma soprattutto danneggiano le imprese dell'agroalimentare nostrano, che il ministro degli Esteri ha promesso davanti al segretario di Stato Usa di voler «difendere con tutte le forze, senza sconti» di fronte alla prospettiva delle nuove tariffe da sette miliardi e mezzo di dollari, per le quali è arrivato il via libera dal Wto.
 

 

Con Pompeo, sebbene non sia lui il titolare del dossier bensì il ministro del Commercio Robert Lighthizer, Di Maio ha insistito che «il tema dei dazi è molto preoccupante» perché l'Italia «ha imprese che vivono di export e devono poter avere certezze: tra queste c'è il rapporto commerciale con gli Usa», su cui gli eventuali dazi rischiano di abbattersi come una tagliola. Un messaggio, ribadito nel suo incontro con Pompeo già dal premier Giuseppe Conte, che il governo italiano spera sia riferito alle orecchie giuste a Washington.

E se i dazi in questa fase sono la preoccupazione maggiore dell'Italia nel suo rapporto con gli Stati Uniti, il principale assillo americano rimangono invece le relazioni - pericolose nell'ottica di Washington - con la Cina. Al centro delle inquietudini statunitensi c'è l'eventuale ruolo di Pechino e delle sue Huawei e Zte nello sviluppo della tecnologia 5g nel nostro Paese: l'Italia «è sovrana» ed è dunque libera di fare le sue scelte, premette Pompeo, ma «la Cina ha un approccio predatorio nei suoi investimenti» e rappresenta «una minaccia comune», per cui un ingresso cinese in questo settore delicato di un alleato importante non sarebbe affatto gradito oltreoceano. Preoccupazioni «condivise» dall'Italia, assicura Di Maio, ma che non avrebbero ragion d'essere dato che la nuova normativa in Italia - e in particolare la golden power che permette allo Stato di mantenere il controllo su asset e aziende strategiche - «ci rende tra i Paesi più avanzati sulla sicurezza in Europa».

Tra gli altri temi del colloquio - durato poco meno di un'ora a quattrocchi e a cui è seguito il pranzo con le rispettive compagne - ha trovato spazio un dossier che sta particolarmente a cuore all'Italia, quello della Libia. Di Maio ha chiesto l'aiuto degli Stati Uniti per stabilizzare il Paese, incassando a sua volta il riconoscimento americano per la «leadership efficace» esercitata da Roma sullo scenario nordafricano. Dal canto suo, Pompeo si è fatto sentire su altri temi cui l'amministrazione Trump attribuisce particolare rilievo e su cui l'allineamento con l'Italia non è stato all'unisono nei mesi scorsi: sul Venezuela la richiesta americana è di avere un supporto anche italiano contro il presidente Nicolas Maduro. Sull'Iran «sponsor del terrorismo», è l'invito di Pompeo, «Usa e Italia devono fare fronte comune».

LEGGI ANCHE --> Pagamenti online e home banking: addio token e “chiavette”, ecco cosa cambia

Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre, 08:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma