CORONAVIRUS

Coronavirus, arrivano diecimila medici. Conte: «Attivati 340 miliardi per emergenza». Laurea in medicina diventa abilitante

Lunedì 16 Marzo 2020 di Luca Cifoni
3

Il titolo Cura Italia usato in qualche presentazione sintetica rinvia chiaramente al Salva Italia approvato dal governo Monti nel dicembre del 2011, quando sull'Italia premeva un'altra emergenza - di tipo finanziario - allora percepita come pericolosissima ma evidentemente meno epocale di quella oggi in atto. Illustrandolo alla stampa a Palazzo Chigi, in uno scenario inconsueto e quasi spettrale, i ministri del governo hanno però preferito chiamarlo decreto marzo. Perché mentre gli oltre cento articoli del testo definitivo stanno ancora trovando la loro stesura definitiva prima della pubblicazione in Gazzetta ufficiale (non c'è stata ieri sera perché manca ancora la bollinatura della Ragioneria generale dello Stato) è già scontato che le misure non basteranno e arriverà quindi un altro provvedimento nel mese di aprile.

LEGGI ANCHE --> Coronavirus, in arrivo dalla Cina centinaia di infermieri e medici super esperti

Per finanziarlo, il governo potrebbe di nuovo rivolgersi a Parlamento e Unione europea chiedendo ulteriori margini di scostamento dagli obiettivi di bilancio, perché i 25 miliardi annunciati pochi giorni fa (20 in termini di indebitamento netto, che il saldo di competenza rilevante ai fini europei) sono stati utilizzati praticamente tutti per queste misure. Se oggi si pensa al sostegno immediato per le attività economiche in crisi e per le famiglie potenzialmente in difficoltà e al rafforzamento del sistema sanitario e della struttura di Protezione civile, il successivo decreto da una parte è destinato a prorogare alcuni degli interventi di emergenza in corso, dall'altra dovrà definire strumenti di rilancio dell'economia e dei settori più colpiti a partire dal turismo. Nella speranza che per allora si siano ripristinate le condizioni minime per guardare avanti, anche se verosimilmente l'emergenza non sarà terminata.

I soldi comunque non sono il problema numero uno. Dall'Eurogruppo è uscito chiaramente un orientamento che antepone alle regole del Patto di Stabilità la necessità di evitare la catastrofe sociale ed economica, tanto più ora che la pandemia tocca più o meno allo stesso modo i vari Paesi del Continente. «Siamo determinati a fare qualunque cosa serva» hanno concluso solennemente i ministri riecheggiando le famose parole di Mario Draghi. E del resto per finanziare le prossime misure potrebbero essere usati direttamente fondi europei.

Coronavirus, tutte le misure del decreto Cura Italia: dal fisco al lavoro
Coronavirus, diretta: più contagi nel resto del mondo che in Cina, un terzo dei morti in Italia

Quelle attuali comprendono anche interventi diretti per la liquidità delle imprese. Cinque miliardi di garanzie e altre misure che - attraverso l'effetto leva - dovrebbero riuscire a mobilitare circa 340 miliardi di maggiore credito al mondo produttivo. Una somma in qualche modo analoga, confrontando il peso economico dei due Paesi, a quella messa in campo dalla Germania per le sue aziende attraverso la KfW (equivalente della nostra Cdp). Una parte non piccola delle risorse messe in campo finora riguarda poi il sostegno a chi è in prima linea contro il virus, quindi il sistema sanitario nazionale e la Protezione civile. Sul tavolo ci sono 3 miliardi ma le norme non hanno solo natura finanziaria, comprendendo anche l'allentamento di alcuni vincoli attualmente in vigore. Ad esempio, come ha annunciato il ministro dell'università Gaetano Manfredi, diventa immediatamente abilitante la laurea in medicina. Questo vuol dire, ha spiegato Manfredi, «liberare immediatamente sul sistema sanitario l'energia di circa 10 mila medici e far fronte alla carenza» di camici bianchi.
 

In conferenza stampa il presidente del Consiglio Conte ha rivendicato la tempestività delle mosse dell'esecutivo in questo campo come in quello strettamente sanitario. «Possiamo parlare di modello italiano non solo per la strategia di contrasto ma anche economico - ha detto Conte - augurandosi che «l'Ue ci segua». Cosa che in realtà sta avvenendo proprio in queste ore anche per quanto riguarda le misure di distanziamento sociale. Il ministro dell'Economia Gualtieri, ricordando che l'obiettivo principale del provvedimento è fare in modo che nessuno si trovi a perdere il lavoro o comunque in difficoltà economica a seguito dell'emergenza sanitaria, ha sottolineato invece la consonanza dell'approccio italiano alle misure economiche con quello che si sta delineando in Europa.

Coronavirus, Zaia: «Oggi Vo' è comune più sano d'Italia grazie a metodo dei tamponi»

 

 

Ultimo aggiornamento: 17 Marzo, 14:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani