Governo, Beppe Grillo furioso: «Basta scalette e poltrone, sono esausto»

Governo, Beppe Grillo furioso: «Basta scalette e poltrone, sono esausto»
3 Minuti di Lettura
Sabato 31 Agosto 2019, 21:51 - Ultimo aggiornamento: 1 Settembre, 11:33

«Sono esausto!», si intitola l'ultimo durissimo intervento di Beppe Grillo, spettatore sempre più critico della nascita del governo M5S-Pd. «Dovete sedervi a un tavolo ed essere euforici perché appartenete a questo momento storico di cambiamento!», è l'esortazione del fondatore del Movimento 5 Stelle. «Questa pena che vedo - continua - questa mancanza di ironia. Abbiamo da progettare il mondo, invece ci abbruttiamo, e le scalette e il posto lo do a chi e i dieci punti, i venti punti, basta! Mi rivolgo alla base del Pd, ai ragazzi. È il vostro momento questo, abbiamo un'occasione unica, Dio mio, unica. E allora cerchiamo di ricompattare i pensieri, di sognare un attimo a dieci anni con la visione. Abbiamo un'offerta di tecnologia immensa, dobbiamo decidere che tipo di società vogliamo».

Governo, vertice M5S a Roma. Pd: ok incontro con Conte, da lui critiche a Di Maio

Beppe Grillo chiama, di fatto, M5S e Pd a deporre le armi e siglare un'intesa. Rinnovabili, urbanistica, tecnologia, idraulica, medicina, agricoltura: sono diversi i temi toccati da Grillo nel video. «Oggi ogni quartiere è diverso, facciamo discussioni stupide sulla Tav o sul Tap quando ormai le sinergie devono collegarsi tra loro: il camion è forse più conveniente del treno, i camion senza camionisti....», spiega Grillo che attacca: «vedo mancanza di euforia, di divertimento abbiamo da progettare il mondo, dobbiamo abbassare il consumo di energia e di materie prima, passare da 40 ore settimanali a 20 ore. Voglio che comprendiate che questa è una nazione meravigliosa».

«Veramente non ci accorgiamo del momento storico, del momento straordinario che è questo? C’è da rivedere i paradigmi della crescita, capire cosa deve crescere e cosa no. C’è da rivedere i sistemi industriali, le materie prime, la mobilità…»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA