Ballottaggi, le sfide nelle città: la sinistra va in piazza e la destra cerca la rivincita

Lega, FdI e Forza Italia puntano su Trieste e Latina, testa a testa a Torino

Ballottaggi, le sfide nelle città: la sinistra va in piazza e la destra cerca la rivincita
di Mario Ajello
4 Minuti di Lettura
Sabato 16 Ottobre 2021, 07:02 - Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 10:59

E' un inedito assoluto: una manifestazione politico-sindacale il giorno prima di una tornata elettorale importante. E' quella di oggi pomeriggio a Piazza San Giovanni, targata Cgil-Cisl-Uil, con il Pd schierato ma senza bandiere di partito (ci sarebbe pur sempre il silenzio elettorale), con i vessilli tricolore e con lo slogan per lo scioglimento di Forza Nuova dopo le violenze contro la sede del sindacato. Al «sabato fascista» della scorsa settimana risponde questo «sabato antifascista» a San Giovanni e tutti si chiedono quanto questa manifestazione - attese almeno 20mila persone - influirà sul ballottaggio a Roma e anche nelle altre città dove si è tornato, sulle macerie del grillismo, al confronto classico tra centrosinistra e centrodestra.

Ballottaggi, sinistra in piazza e destra a caccia di rivincita

 

Nello schieramento che sostiene, per la Capitale, Michetti si ostenta tranquillità: «La sinistra s'è infilata in una trappola auto-prodotta. Il richiamo dell'anti-fascismo militante, dell'emergenza democratica e altri cascami ideologici non solo non interessa ai romani, che vogliono semplicemente una città migliore, ma può indispettirli. E riportare alle urne chi al primo turno non c'è andato». Così si ragiona, soprattutto ai vertici della Lega ma anche negli altri partiti.

Ballottaggio Roma, il nodo strade. Michetti: un miliardo per le buche. Gualtieri: piano contro gli incidenti


Ma l'effetto Cgil, al contrario, ci si augura che sia positivo dalle parti del Pd. C'è chi, al Nazareno, fa addirittura circolare stime non verificabili, secondo le quali la piazza sindacal-antifascista potrebbe produrre per il centrosinistra un incremento su base nazionale del 6-7- per cento. Di sicuro, il fonte salvinian-melonian-berlusconiano non sta vivendo questa vigilia del voto al tempo del ritorno dell'antifascismo con grande scioltezza. Ma a preoccupare sono, più che le questioni storico-ideologiche legate all'estremismo nero, la situazione elettorale nelle varie città. Dove il centrodestra cerca la rivincita. Riconquistare Latina e tenere Trieste («Cari moderati, tornate alle urne!» è l'appello lanciato ieri da Berlusconi agli elettori di questa città) è l'obiettivo minimo dei leader anti-sinistra.


IL COLPACCIO
Il colpaccio per il centrodestra sarebbe aggiungere anche Torino. Ma lì il testa a testa tra Lorusso e Damilano (43,8 contro 38,9) potrebbe riservare buone sorprese al Pd, se arrivano i voti grillini, in una battaglia comunque apertissima. Infatti Letta e Salvini nel capoluogo piemontese, in due piazze a poche centinaia di metri di distanza, hanno chiuso la campagna elettorale. A caccia dell'ultimissimo voto per battere il fronte avversario. Il derby torinese tra i due leader è la riprova che questa città - dove mai c'è stato un sindaco non di sinistra da quando è cominciata la Seconda Repubblica - riveste una importanza estrema nella partita di domenica e lunedì.

Elena Bonetti e la stoccata alla Raggi: «Non sempre le donne sono capaci di fare il sindaco, pensi a Roma»


AFFLUENZA
Per Salvini, Meloni e Berlusconi il vero punto è insomma la riconquista degli astensionisti che un po' hanno marcato visita al primo turno perché schifati dalla politica, un po' perché convinti che ormai governa Draghi e i partiti o questi partiti non servono più, un po' perché diventati pigri o spaventati da anni di emergenza Covid. Gli apatici daranno al centrodestra la spinta che il centrodestra auspica per se stesso? Ai vertici del Pd non vige la preoccupazione: «Lo sanno tutti che al secondo turno votano ancora meno persone rispetto al primo».
Il caso Varese è assai interessante. «Se perdo a Varese, mi imbufalisco», dice Salvini. Ma la Lega lì dove ha avuto la sua culla - Bossi, Maroni, Fontana e anche Giorgetti sono di Varese o del contado - rischia. E' favorito il sindaco uscente, di centrosinistra, Davide Galimberti, sostenuto anche da M5S. Salvini che ha perso a Milano e vuole rifarsi («Prenderemo almeno 70 sindaci») è tornato ieri per la quarta volta in comizio a Varese.

Roma, ballottaggio: Gualtieri punta sui rifiuti, Michetti sulla sicurezza (e sui voti di Raggi)


La paura per Varese sarà compensata da Latina? Leghisti e meloniani assicurano: «Qui non c'è partita». Il sindaco Coletta, civico di centrosinistra, è sotto di oltre dieci punti rispetto all'ex Msi, Zaccheo. Quanto a Roma, questo è il super-match e da qui partirà, oppure no, l'effetto Cgil.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA