DONALD TRUMP

Clint Eastwood, repubblicano, si schiera con il democratico Bloomberg

Sabato 22 Febbraio 2020
Clint Eastwood, repubblicano, si schiera con il democratico Bloomberg
Clint Eastwood, repubblicano di lungo corso, sceglie il democratico Bloomberg: «la cosa migliore che possiamo fare è mettere Michael Bloomberg» alla Casa Bianca. In un'intervista al Wall Street Journal, l'attore-regista afferma inoltre che gli piacerebbe vedere Donald Trump agire «in modo più elegante, senza twittare».

Sergio Leone, il grande maestro che reinventò il western d'autore

Eastwood interviene anche sul #MeToo esprimendo il proprio sostegno alle donne che si oppongono a coloro che chiedono favori sessuali, e osservando come il caso di Harvey Weinstein ha messo il pubblico «sulla difensiva».
 
 


In passato Eastwood aveva appoggiato Mitt Romney - ovvero l'unico repubblicano che ha votato di recente in favore dell'impeachment contro Trump. Nel corso della sfida tra Trump e Hillary, quattro anni fa, l'attore, 89 anni, aveva deciso di non schierarsi, rilevano come ci fossero già abbastanza "buffi affari" nei due campi opposti.

Secondo alcuni, Eastwood è troppo libero per rinunciare a cambiare casacca, se una scelta lo convince. Quando alla fine fu eletto Trump, l'attore elogiò il suo "volere fare qualcosa", e aggiunse di pensare "che siamo un po' tutti segretamente stufi dell'abuso di correttezza politica". La sua fede repubblicana non è mai stata un mistero. In un discorso che fece molto scalpore, alla convention di Denver, Eastwood aveva accanto a sé una sedia vuota: «Se avessi qui il presidente Barack Obama, gli farei due o tre domande»... © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi