Clint Eastwood, repubblicano, si schiera con il democratico Bloomberg

Clint Eastwood, repubblicano, si schiera con il democratico Bloomberg
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Febbraio 2020, 22:42

Clint Eastwood, repubblicano di lungo corso, sceglie il democratico Bloomberg: «la cosa migliore che possiamo fare è mettere Michael Bloomberg» alla Casa Bianca. In un'intervista al Wall Street Journal, l'attore-regista afferma inoltre che gli piacerebbe vedere Donald Trump agire «in modo più elegante, senza twittare».

Sergio Leone, il grande maestro che reinventò il western d'autore

Eastwood interviene anche sul #MeToo esprimendo il proprio sostegno alle donne che si oppongono a coloro che chiedono favori sessuali, e osservando come il caso di Harvey Weinstein ha messo il pubblico «sulla difensiva».
 

 

In passato Eastwood aveva appoggiato Mitt Romney - ovvero l'unico repubblicano che ha votato di recente in favore dell'impeachment contro Trump. Nel corso della sfida tra Trump e Hillary, quattro anni fa, l'attore, 89 anni, aveva deciso di non schierarsi, rilevano come ci fossero già abbastanza "buffi affari" nei due campi opposti.

Secondo alcuni, Eastwood è troppo libero per rinunciare a cambiare casacca, se una scelta lo convince. Quando alla fine fu eletto Trump, l'attore elogiò il suo "volere fare qualcosa", e aggiunse di pensare "che siamo un po' tutti segretamente stufi dell'abuso di correttezza politica". La sua fede repubblicana non è mai stata un mistero. In un discorso che fece molto scalpore, alla convention di Denver, Eastwood aveva accanto a sé una sedia vuota: «Se avessi qui il presidente Barack Obama, gli farei due o tre domande»...

© RIPRODUZIONE RISERVATA