Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Boris Pahor è morto a Trieste, narrò l'orrore dei lager. Lo scrittore e intellettuale di lingua slovena aveva 108 anni Chi era

Boris Pahor è morto a Trieste, lo scrittore e intellettuale di lingua slovena aveva 108 anni
1 Minuto di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 08:58 - Ultimo aggiornamento: 15:55

Addio a Boris Pahor, morto all'età di 108 anni.  Lo scrittore e intellettuale di lingua slovena è morto a Trieste.  Ne dà notizia l'agenzia di stampa slovena Sta. Nato a Trieste nel 1913, Pahor è considerato il più importante scrittore sloveno con cittadinanza italiana e una delle voci più significative della tragedia della deportazione nei lager nazisti, raccontata in Necropoli, ma anche delle discriminazioni contro la minoranza slovena a Trieste durante il regime fascista. L'intellettuale, testimone in prima persona delle tragedie del Novecento, ha scritto una trentina di libri tradotti in decine di lingue, tra cui Qui è proibito parlare, Il rogo nel porto, La villa sul lago, La città nel golfo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA