Bill Gates, Microsoft lo fece dimettere: ebbe una storia «inappropriata» con una dipendente

Bill Gates, Microsoft lo fece dimettere: ebbe una storia «inappropriata» con una dipendente
4 Minuti di Lettura

ll board di Microsoft decise nel 2020 che Bill Gates doveva dimettersi. La decisione fu presa in seguito a un'indagine sui rapporti sentimentali che Gates avrebbe avuto per anni con una dipendente dell'azienda, rapporti ritenuti inappropriati . Lo riporta il Wall Street Journal.

Bill Gates, Melinda preparava il divorzio da 2 anni. «Preoccupata per gli incontri con Epstein»

Il Cda di Microsoft, racconta il Wsj, arruolò alla fine del 2019 uno studio legale per indagare su Gates dopo che una dipendente sostenne in una lettera di aver avuto per anni un a relazione sessuale col fondatore della società. Durante l'inchiesta alcuni membri del board ritennero che non era più appropriato per Gates farne parte. Gates, stando al Wsj, diede le dimissioni prima del completamento dell'inchiesta. Il portavoce di Gates ammette parlando col Wsj che «c'è stata una relazione sentimentale quasi 20 anni fa che è finita amichevolmente», ma sottolinea come la decisione di lasciare il Cda «non fu affatto legata a tale questione». L'addio a Microsoft di Gates, aggiunge il portavoce, fu legato alla volontà di avere più tempo per le attività filantropiche«. 

La denuncia della dipendente

Un portavoce di Microsoft, da parte sua, ha confermato al giornale che «nel 2019 è stata ricevuta una lettera in cui si affermava che Bill Gates tentò di avviare una relazione intima con una dipendente della società nel 2000». «Una commissione del Board analizzò la lettera, aiutata da uno studio legale condusse un'approfondita indagine», ha detto ancora il portavoce spiegando che «durante l'indagine, Microsoft ha fornito ampio sostegno alla dipendente» che ha presentato la denuncia. Gates si è dimesso dal board di Microsoft il 13 marzo 2020, tre mesi dopo che era stato rieletto.

 

Insistente con le donne

A poche settimane dall'annuncio del divorzio con la moglie Melinda, dunque, un'altra tegola cade sulla testa di Bill Gates. Racconta il New York Times di un’altra discussione tra i coniugi nel 2018. Questa volta l’oggetto del litigio era la gestione da parte di Bill Gates di un’accusa di molestie sessuali contro il suo storico manager finanziario Michael Larson. Gates, con grande disaccordo da parte della moglie che voleva vederci più chiaro e chiedere un’indagine, avrebbe risolto la questione in modo confidenziale. Soprattutto Larson è rimasto al suo posto, continuando a lavorare per il fondatore di Microsoft. Il giornale americano parla anche di diverse occasioni in cui avrebbe cercato in modo «insistente» donne che lavoravano per lui sia a Microsoft sia alla Foundation.

Per esempio, nel 2006, dopo una presentazione, ha immediatamente inviato una mail alla dipendente per invitarla a cena, rivela alcune fonti. Aggiungendo: «Se questo ti mette a disagio fai finta che non sia mai successo». E così lei ha fatto. Ancora, uno o due anni dopo, si trovava in un viaggio di lavoro per la Foundation con una donna che lavorava per lui. A un cocktail party le avrebbe detto, a bassa voce: «Voglio vederti. Vieni a cena con me?». L’ha raccontato lei stessa. Ha detto di essersi sentita a disagio e di aver riso evitando di rispondere. Almeno altre 6 persone hanno confermato questi e altri episodi che avrebbero portato Bill Gates a creare un ambiente professionale poco confortevole. Precisando però che non ha mai avuto comportamenti da «predatore sessuale», non ha mai forzato nessuno né avuto comportamenti violenti. Le donne hanno sempre avuto la libertà di rifiutare. La sua portavoce Bridgitt Arnold si dice estremamente «delusa» a vedere le «falsità» pubblicate «sulla causa, le circostanze e la cronologia del divorzio di Bill Gates».

Lunedì 17 Maggio 2021, 06:18 - Ultimo aggiornamento: 18 Maggio, 10:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA