Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Berlusconi lascia l'ospedale San Raffaele, era ricoverato per un'infezione: oggi il ritorno ad Arcore

Il leader di Forza Italia era ricoverato per un infezione alle vie urinarie

Berlusconi oggi lascerà l'ospedale San Raffaele di Milano: come sta il Cav
3 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Gennaio 2022, 12:17 - Ultimo aggiornamento: 19:39

Silvio Berlusconi è tornato nella sua villa di Arcore, dopo otto giorni di ricovero all'ospedale milanese San Raffaele. Ad accompagnare il leader di Forza Italia il giorno delle dimissioni, ci sono la compagna Marta Fascina e una delle sue più strette collaboratrici, la senatrice azzurra Licia Ronzulli.

Meloni: «Alleanza a pezzi, centrodestra da rifondare». Salvini convoca i leghisti

Video

Berlusconi dimesso dall'ospedale

Con indosso un cappotto nero, cappello e mascherina blu, il Cavaliere, 85 anni, è uscito dalla porta principale dell'edificio Diamante dell'istituto fondato da Don Verzè. Poi è salito in macchina, senza rilasciare alcuna dichiarazione, ma con il braccio alzato in segno di saluto a giornalisti, cameraman e fotografi, accorsi in massa. L'ex presidente del consiglio, che ha anche vinto la battaglia contro il covid nel settembre 2020, nell'estate di quasi sei anni fa venne operato con un intervento a cuore aperto per la sostituzione della valvola aortica. Da allora, si è sottoposto spesso a controlli in ospedale. Nei giorni scorsi, dalle sue stanze al sesto piano dell'edificio dove sarebbe stato curato per un'infezione e dove si è sottoposto a diversi accertamenti, ha continuato a seguire la partita per il Quirinale. 

 

Dopo la sua rinuncia alla candidatura a presidente della Repubblica in nome della «unità» nazionale, è stato descritto come particolarmente giù di morale. Ma non ha rinunciato a gestire attivamente il partito da lui fondato, alle prese con l'elezione del nuovo capo dello Stato. Prima ha indicato il nome della numero uno del Senato Elisabetta Casellati, infine ha appoggiato Sergio Mattarella assicurando il «sostegno di Forza Italia per la sua elezione». In questi giorni, l'ex presidente del Consiglio ha ricevuto solo le visite di familiari, amici e collaboratori più vicini, dai figli al presidente di Mediaset Fedele Confalonieri a Marcello Dell'Utri. Sono passati a trovarlo anche il suo ex avvocato Niccolò Ghedini, e gli azzurri Ronzulli e Antonio Tajani. Nei giorni scorsi Paolo Berlusconi, da sempre vicino al fratello, uscendo dal San Raffaele ha detto che «ha passato giorni molto brutti, ma adesso è in ripresa». E anche: «Sta andando tutto bene, sta riprendendo forze». Il suo medico personale, Alberto Zangrillo, non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione ufficiale. «È assolutamente fuori luogo - ha detto - l'attenzione morbosa che si scatena nei confronti di questioni private come la salute».

© RIPRODUZIONE RISERVATA