Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mare Sicuro, a Latina aprirà un nuovo presidio

Mare Sicuro, a Latina aprirà un nuovo presidio
2 Minuti di Lettura
Domenica 20 Giugno 2021, 05:02

SICUREZZA
Da ieri più motovedette della Capitaneria di Porto in acqua per i controlli dell'operazione Mare Sicuro, partita anche nel Lazio. L'attività viene svolta per la sicurezza dei bagnanti, dei diportisti e di tutti coloro che frequenteranno le spiagge nel corso della stagione estiva.
I controlli saranno intensificati con motovedette e personale di terra lungo tutti i 361 chilometri di costa laziale, attraverso l'impiego di 250 unità. Nella provincia di Latina, che ricade sotto la direzione del Compartimento marittimo di Gaeta, i controlli saranno più imponenti soprattutto nei weekend ed in prossimità delle principali festività ed alta sarà anche l'attenzione sul traffico diportistico di passeggeri verso le Isole Pontine nei porti di imbarco. C'è anche una novità e riguarda il capoluogo pontino: in una nota la Capitaneria di Porto di Civitavecchia ha annunciato la presenza di personale e mezzi navali della Guardia Costiera anche nella marina di Latina, dove è prevista la prossima apertura di un presidio del Corpo. La campagna Mare Sicuro è stata presentata nei giorni scorsi a Ostia, alla presenza del ministro Giovannini e del comandante generale, l'ammiraglio Pettorino. Per ogni emergenza in mare - è stato ricordato - è sempre attivo il numero 1530: chiamandolo si attiva il più vicino presidio marittimo della Capitaneria di Porto. «Anche quest'anno fa sapere ancora la Capitaneria - dedicate verifiche permetteranno ai diportisti di conseguire il cosiddetto Bollino blu, ovvero una sorta di certificazione di conformità alle norme in grado di prevenire possibili duplicazioni nei controlli a mare. Sulla scorta dell'analisi dei più comuni incidenti registrati negli anni precedenti, non è superfluo il richiamo a comportamenti orientati alla massima prudenza a terra, ma ancor più a mare, rispettando scrupolosamente le regole di navigazione, in particolare quando ci si trova sotto costa e in prossimità di spiagge».
Ste.Bel.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA