Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Perché il nuovo boom di contagi a Latina? Nei nuovi casi si cerca la variante Omicron 2

Perché il nuovo boom di contagi a Latina? Nei nuovi casi si cerca la variante Omicron 2
di Laura Pesino
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Marzo 2022, 13:05

La provincia di Latina fa i conti con un nuovo boom di contagi probabilmente inaspettato ma in realtà risultato di una crescita che ha cominciato a registrato negli ultimi giorni. E' lo specchio del resto di quanto accade anche in tutto il Lazio, passato da 5-6mila casi giornalieri a oltre 10mila. Così il territorio pontino ha fatto registrare ieri ben 1.225 nuovi casi accertati su 5.733 tamponi, il dato peggiore dallo scorso 3 febbraio e un rapporto tra positivi e test che supera il 21%. Tornano dunque numeri a tre cifre in diversi comuni, a partire da Latina che conta 294 positivi, da Fondi che ne ha 145 e dalle città di Aprilia, Formia e Terracina dove sono stati accertati 113 contagi.

Dall'inizio di marzo si arriva dunque a quota 8.750 positivi. Il sospetto è che ad incidere sull'aumento sia anche la variante Omicron 2, dall'elevata diffusività. «La stiamo cercando - spiega Antonio Sabatucci, responsabile del dipartimento di prevenzione della Asl - Abbiamo già inviato in questi giorni una decina di campioni all'istituto Spallanzani di Roma per i sequenziamenti del virus. Appena ci saranno le prime risposte avremo un quadro più chiaro. Intanto possiamo dire che i sintomi sono spesso lievi e le dosi di vaccino sono efficaci contro le forme gravi. La pressione ospedaliera infatti si è ridotta e l'aumento dei casi non si sta traducendo per ora in una crescita del numero dei pazienti ricoverati. La situazione è però quella che potevamo prevedere: l'elevato rapporto tra positivi e tamponi è dovuto al fatto che sono soprattutto le persone sintomatiche a sottoporsi a test per la ricerca del Covid».

Intanto però non si sono registrati nuovi decessi nelle scorse 24 ore rispetto ai 18 già contati dall'inizio di marzo e agli 825 dall'inizio della pandemia e il bollettino ha riportato un solo paziente ricoverato al Goretti. Le notifiche di guarigione invece sono state 202 mentre le vaccinazioni 491, tutte alla popolazione over 12, di cui 33 prime dosi, 133 seconde, 311 terze e 14 quarte dosi a persone fragili. Come accennato, nell'intera regione i positivi sono stati 10.562, quasi 7mila in più rispetto alla giornata di lunedì, accertati però su 68.300 tamponi. L'accelerazione dei casi ha commentato l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato è dovuta alla prevalenza di positivi asintomatici e a reinfezioni.
Laura Pesino
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA