Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, la curva cresce. Provincia pontina maglia nera nel Lazio

Covid, la curva cresce. Provincia pontina maglia nera nel Lazio
di Laura Pesino
3 Minuti di Lettura
Domenica 8 Agosto 2021, 05:01 - Ultimo aggiornamento: 11:45

 Torna a salire ancora la curva dei contagi dopo la sostanziale stabilità dei giorni scorsi. Se venerdì i contagi erano 77, ieri hanno raggiunto la soglia degli 89 su poco meno di 600 test (192 tamponi molecolari e 381 antigenici), a cui si aggiungono altri nove cittadini contagiati provenienti da comuni fuori provincia di Latina e dunque in carico ad altre Asl. Dall'inizio del mese di agosto ad oggi si è arrivati così rapidamente a quota 300.
I DATI
Nelle scorse 24 ore i casi sono cresciuti soprattutto nei comuni di Aprilia e Terracina, che riportano rispettivamente 13 e 12 contagi, 11 sono poi i positivi a Minturno, otto quelli accertati nella città capoluogo, sette a Priverno e Sezze, sei a Sabaudia, cinque a Cisterna e Formia, due a Cori, Fondi, Gaeta, Ponza, San Felice e Sonnino, uno infine nei territori di Pontinia e Santi Cosma e Damiano, per un totale di 18 comuni coinvolti. Restano fermi a tre i decessi dall'inizio del mese, senza vittime negli ultimi tre giorni, mentre le notifiche di guarigione riportate nel bollettino sono state 18. L'origine del contagio resta prevalentemente familiare e amicale. Sono infatti questi i canali attraverso cui il virus continua a correre e a diffondersi. Ci sono poi diversi contagi scoperti attraverso screening sanitari, un caso di rientro dall'estero che riguarda il comune di Sonnino, tre positivi in seguito a una festa a Priverno e sporadici contatti di lavoro. È chiaro quindi che il coronavirus dilaga, soprattutto fra giovani non vaccinati, nelle occasioni di convivialità e ritrovo, quando ogni misura di sicurezza e protezione viene meno.


CONTROTENDENZA
La provincia di Latina poi, stando al quadro del Lazio, è quella che continua a veder crescere la curva mentre perfino la città di Roma ha registrato un sensibile decremento dei contagi e le altre province restano per lo più stabili e comunque con valori nella norma. Proprio ieri infatti, su 638 contagi accertati nell'intera regione, la sola città di Roma ne contava 246, la provincia romana 232, la Asl di Frosinone 29, quella di Viterbo 23 e Rieti infine 19. «Osserviamo una frenata del trend di casi - commenta l'assessore alla Sanità della Regione Alessio D'Amato - 83 casi in meno su base settimanale. Il valore Rt è in calo, l'incidenza resta costante. La pressione sulla rete ospedaliera resta bassa e continua la frenata della variante Delta nel Lazio».
I ricoveri in area medica nel Lazio sono arrivati a 381, mentre sono 54 le terapie intensive occupate da pazienti covid. Se nella regione i decessi sono stati 8.419 dall'inizio della pandemia ad oggi, la provincia pontina ha contato complessivamente 639 vittime, la maggior parte delle quali concentrate nella seconda ondata dei primi mesi del 2021. Il totale dei pazienti trattati supera invece le 36mila unità in oltre un anno e mezzo di pandemia.
Laura Pesino
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA