Covid, la Asl di Latina: «Rispettate la quarantena». Scuole chiuse a Roccasecca

Covid, la Asl di Latina: «Rispettate la quarantena». Scuole chiuse a Roccasecca
di Rita Cammarone
3 Minuti di Lettura
Domenica 21 Novembre 2021, 05:02 - Ultimo aggiornamento: 11:58

Altri 124 casi Covid (più tre fuori provincia) è il dato censito ieri dalla Asl di Latina a fronte di 710 tamponi processati nella giornata di venerdì. Fortunatamente nelle 24 ore di osservazione non si sono registrati decessi, mentre il numero dei ricoveri è aumentato di due unità al netto di tre trasferimenti presso ospedali fuori provincia. La foto scattata ieri con il consueto bollettino della Asl porta il territorio pontino a quota 40.498 contagi e a un totale di decessi pari a 664 dall'inizio della pandemia. Nelle 24 ore monitorate 37 persone sono guarite, mentre 306 sono uscite dall'isolamento; restano in sorveglianza speciale a domicilio 1.678 persone.


I DATI
In base all'ultimo bollettino della Asl i 124 nuovi contagi, 23 in meno rispetto alle 24 ore precedenti, sono distribuiti sul territorio nel seguente modo: 37 a Latina, 11 a Cisterna di Latina, 10 ad Aprilia ed altrettanti a Formia, 9 a Sezze, 7 a Fondi, altri 7 a Terracina così come a Sermoneta, 5 a Minturno, 4 a San Felice Circeo e altrettanti a Sonnino; a Gaeta, Itri e Sabaudia tre nuovi casi in ciascun comune, 2 i contagi a Castelforte, uno a Roccasecca dei Volsci e uno a Cori. Nel capoluogo pontino tra i nuovi casi ne emergono otto in ambito scolastico e uno tra il personale di una struttura sanitaria. I contagi nelle scuole si sono registrati in diverse città: uno ad Aprilia, due a Cisterna, due a Formia, cinque su sette a Sermoneta e uno a Roccasecca dei Volsci. Ma la situazione in quest'ultimo comune è in evoluzione.


A ROCCASECCA
Ieri mattina, a fronte di otto tamponi rapidi risultati positivi tra i bambini frequentanti le scuole di Roccasecca dei Volsci, un successivo test molecolare ha dato un'altra conferma, mentre si attendevano gli esiti degli altri sette approfondimenti. Il sindaco Barbara Petroni, in accordo con il dirigente scolastico, ha quindi ordinato la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per le giornate di domani e dopodomani, 22 e 23 novembre, quale misura di carattere preventivo ai fini del contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid. La chiusura delle scuole consentirà interventi di sanificazione nei due plessi scolastici interessati, ospitanti materna, primaria e secondaria, e dei mezzi del servizio scuolabus. Il caso di Roccasecca, non diverso da quello di altri comuni, è attenzionato dal dipartimento di Prevenzione della Asl che ha già disposto quarantene e programmato a partire da domani drive-in dedicati.


«Si raccomanda il rispetto dell'isolamento per le famiglie in quarantena, il rispetto delle misure di contenimento uso della mascherina e distanziamento da parte di tutti e di procedere alla vaccinazione per chi non lo avesse ancora fatto», ha sottolineato ieri la dottoressa Silvia Iacovacci che per il dipartimento di Prevenzione della Asl segue le scuole. «Non basta la sola sanificazione per tornare in classe in sicurezza ha affermato serve il rispetto delle regole, in primis delle disposizioni riguardanti la quarantena. I contagi stanno aumentando per una serie di ragioni, a cominciare dalla stagionalità del virus e dal fatto che non tutti sono vaccinati. Occorre stare molto attenti».
Intanto, in provincia di Latina prosegue la vaccinazione anti-Covid. Venerdì sono state somministrate 1.416 dosi; 181 prime dosi, 261 richiami e 974 booster.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA