TikTok, indagano gli 007. Il Copasir: «Pechino ci dica cosa fa dei dati»

Martedì 21 Gennaio 2020 di Simone Canettieri
TikTok, indagano gli 007. Il Copasir: «Pechino ci dica cosa fa dei dati»

«Verificare l’uso che il governo della Cina fa dei dati sensibili degli utenti italiani iscritti su TikTok». La richiesta è stata inoltrata due settimane fa dai membri della maggioranza che fanno parte del Copasir al presidente Raffaele Volpi. E l’esponente leghista ha dato via libera al procedimento. Ora l’Agenzia per le informazioni e la sicurezza esterna (Aise) e il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (Dis) indagheranno - attraverso un’istruttoria - sul social network che spopola tra gli adolescenti (e non solo). Si tratta di un’applicazione - a portata di smartphone - che permette di pubblicare e dunque condividere brevi video musicali. Clip spesso scanzonate.

Il boom di TikTok, il social cinese che ha un miliardo e mezzo di iscritti
TikTok, dati personali a rischio: «Aggiornate la app»
TikTok vietato nell'esercito Usa, il portavoce dello Us Army: «È considerata una cyberminaccia»
 

TikTok, gli iscritti al social sono 1,5 miliardi

TikTok è cinese: è tenuta a riferire al governo i dati degli iscritti: foto e video finiscono in un database a disposizione della autorità politiche. Nel mondo sono più di 1,5 miliardi le persone che si divertono con questo social, in Italia superano i sei milioni. Anche la politica sta provando (senza entusiasmi) a capire il fenomeno. Forse perché la platea è composta in gran parte da adolescenti, molti dei quali ancora minorenni, e quindi non appettibili elettoralmente (almeno per ora, anche se il trend sta alzando l’asticella verso i ventenni). Il pioniere è stato Matteo Salvini: lo scorso novembre il leader della Lega ha aperto il suo account. 

E così è diventato un tiktoker (seguito da 167mila profili). L’ultima performance l’altro giorno da un palco dell’Emilia Romagna (selfie con un gruppo di «amici indiani: dedicato a chi ci vuole male», con il pezzo Riptide di Vance Joy), ma anche il Primo dell’anno (con la celebre parodia con la fidanzata Francesca dello schiaffetto di Papa Francesco a una fedele troppo invadente). Anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli, è stata tentata da questo social (forte del tormentone “Io sono Giorgia”), ma dopo una rapida apparizione sembra non essere attiva. D’altronde il campo è davvero impervio: anche perché su TikTok tra più attivi ci sono raggazze e ragazzi che ancora vanno alle medie. Quindi il rischio di non essere capiti o peggio ancora trollati (traduzione: presi in giro) per i politici c’è, eccome. Ma adesso lo scenario cambia totalmente. Perché il caso prende tutta un’altra piega. E ha fatto irruzione due settimane fa all’interno del Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza pubblica. In ballo - è stato rimarcato dai parlamentari che compongono l’attuale maggioranza - c’è «la sicurezza dei nostri dati, intesa come Paese, che finiscono nella disponibilità del governo cinese visti gli accordi che ha con TikTok. Dunque non si tratta di una banale questione di privacy».

Un affare così complesso, e dalle ricadute così grandi, che il presidente del Copasir Raffaele Volpi non ha potuto fare altro che dare mandato ai Servizi segreti di aprire un’istruttoria. Dove porterà non si sa. 

IL DOSSIER
Ma questa mossa si lega, in un certo senso, alle mosse che il governo italiano dovrà prendere sulla questione 5G, l’infrastruttura digitale del futuro: un tema molto caro a Pechino, ma non a Washington. Un dossier che aveva trovato, ai tempi del governo gialloverde, una sponda importante nel M5S, in pieno flirt sulla via della Seta, grazie alla generosa apertura dell’allora titolare del Mise (nonché vicepremier) Luigi Di Maio. Anche in questo caso, in ballo c’è la gestione dei dati. Così si spiega il pressing di Huawei e Zte e dall’altra la frenata dell’alleanza atlantica. Anche questo tema è stato sollevato lo scorso dicembre e sempre dal Copasir. Un motivo per offrire al governo il destro per restringere nella gara che ci sarà sulla gestione del 5G le maglie sulla possibilità dell’ingresso cinese. Non proprio un gioco da ragazzi. Come appunto sembra non essere nemmeno TikTok.
 

Ultimo aggiornamento: 14:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma