CORONAVIRUS

Virus creato in laboratorio a Wuhan, Fauci smentisce Trump: «Non esistono prove»

Martedì 5 Maggio 2020
2
Virus creato in laboratorio a Wuhan, Fauci smentisce Trump: «Non esistono prove»

Non ci sono prove scientifiche che il coronavirus sia stato «artificialmente o deliberatamente manipolato» in un laboratorio. Così, in una lunga intervista al National Geographic, Anthony Fauci definisce infondate le teorie del virus in qualche modo creato in laboratorio di Wuhan. «Diversi biologi dell'evoluzione molto qualificati hanno detto che tutto dell'evoluzione graduale nel tempo indica che si è evoluto in natura e poi ha fatto il salto di specie», ha aggiunto Anthony Fauci, il massimo esperto americano di malattie infettive e membro della task force della Casa Bianca, smentendo la tesi di Trump. «Se si guarda all’evoluzione del virus nei pipistrelli, le prove scientifiche vanno fortemente nella direzione che il virus non avrebbe potuto essere manipolato artificialmente o deliberatamente». Domenica il segretario di Stato Mike Pompeo ha ribadito la posizione della Casa Bianca, ossia che ci sono prove importanti che il virus venga da un laboratorio cinese. Pechino ha sempre negato con forza, anche se diverse cancellerie hanno mostrato dubbi sulla trasparenza delle autorità cinesi nella gestione di questa crisi.

Coronavirus, oltre 250mila le vittime nel mondo

Virus creato in laboratorio a Wuhan, l'Oms smentisce gli Usa: «Nessuna prova»

Covid-19, Pompeo: «Virus arriva da Wuhan, la Cina ha fatto di tutto per nasconderlo»

Potrebbe essere accaduto che il virus sia uscito accidentalmente dal laboratorio di Wuhan?, gli ha chiesto il giornalista. «Ma questo significa che era in natura all'inizio - ha replicato il direttore U.S. National Institute of Allergy and Infectious Diseases - ed è per questo che non capisco di che cosa stiano parlando e non passo molto tempo a seguire questo ragionamento circolare».

Le accuse. Negli ultimi giorni l'amministrazione Trump ha alzato il tiro contro la Cina con le accuse riguardo la responsabilità dell'epidemia e prima Donald Trump e poi Mike Pompeo hanno fatto riferimento a non meglio specificate « consistenti prove» del fatto che il virus sia stato originato da un laboratorio di Wuhan. Con una dichiarazione pubblica, le agenzie di intelligence Usa la scorsa settimana hanno affermato che vi è «un ampio consenso scientifico» sul fatto che il virus non è «creato dall'uomo o geneticamente modificato» ma che si sta indagando sulla possibile origine da un laboratorio di Wuhan.
Anche l'Oms aveva smentito Trump e Pompeo: nessuna prova che sia stato creato in laboratorio. 

L'intelligence. Dati di intelligence condivisi dalle Five Eyes indicano come «altamente improbabile» una diffusione della pandemia da Coronavirus come conseguenza di un incidente di laboratorio e puntano piuttosto a rintracciarne l'origine in un mercato cinese. Questo quanto riporta la Cnn, citando due funzionari occidentali che a loro volta fanno riferimento ad una valutazione dell'intelligence apparentemente in contrasto con le recenti dichiarazioni del presidente americano Donald Trump e del segretario di stato Mike Pompeo.

 

Ultimo aggiornamento: 15:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA