Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina-Russia, da Kiev demilitarizzata e "neutrale" al riconoscimento della Crimea: ecco le richieste di Putin

Ucraina-Russia, da Kiev demilitarizzata e "neutrale" al riconoscimento della Crimea: ecco le richieste di Putin
4 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Febbraio 2022, 18:58

Uno spiraglio si è aperto nella crisi in Ucraina. Al termine dell'incontro tra le delegazioni di Russia e Kiev, durata 6 ore in una località segreta al confine con la Bielorussia, anche Mosca ha ammesso di aver trovato «alcuni punti su cui è possibile individuare un terreno comune». Ad aprire la giornata di trattative era stata una telefonata tra il presidente francese Macron e Putin: il presidente russo ha dettato all'Occidente le condizioni per dare uno stop alle armi e fermare l'avanzata verso Kiev. E cioè l'Ucraina neutrale e il riconoscimento della Crimea come territorio russo. Ma cosa si intende con la neutralità? «Se l’obiettivo della Russia è un’Ucraina smilitarizzata e compiacente, come indicano le dichiarazioni e i discorsi di Putin, è difficile immaginare come possa raggiungere questo scopo senza qualche elemento di occupazione militare - ha spiegato Crisis Group, il think tank impegnato sulla risoluzione dei conflitti - Il dispiegamento delle truppe della Guardia nazionale russa insieme alle unità offensive ai confini dell’Ucraina dall’inizio del 2022, suggerisce che Mosca si stia preparando ad occupare almeno parti dell’Ucraina».

​Ucraina e Russia, delegazioni in patria per consultazioni: presto altri incontri. Putin: accordo se Kiev neutrale e Crimea riconosciuta come territorio russo

La rinuncia alla Nato

L'Ucraina dovrebbe rinunciare all'adesione alla Nato, acconsentendo quindi così alle richieste di Mosca. Zelensky al momento sembra tutt'altro che orientato a questa opzione. 

«L’occupazione quasi sicuramente incontrerà resistenza e sarà enormemente costosa, il che potrebbe portare Mosca a cercare di installare un governo ‘surrogato’. Ma la creazione di un’autorità di governo in grado di controllare una popolazione ostile sarà costosa e difficile, anche se Mosca può aspettarsi -probabilmente erroneamente- che la maggior parte degli ucraini soccomba». 

«È probabile che un’Ucraina occupata dalla Russia debba affrontare sanzioni, il che significa che la sua economia si deteriorerebbe. L’obiettivo della Russia è un’Ucraina sottomessa, non prospera, e il sostegno della Russia - la cui economia gemerà sotto le nuove sanzioni -  è probabile che sarà scarso. La migrazione di massa verso parti dell’Ucraina non controllate dalla Russia, e forse verso gli Stati vicini, è probabile se rimane fattibile. Così è anche la migrazione verso la Russia stessa». 

Chernobyl, ecco perché i russi l'hanno conquistata: l'incubo nucleare e la via (più rapida) che porta a Kiev

Riconoscimento della Crimea come territorio russo

Tra le richieste del presidente Vladimir Putin per porre fine all'attacco della Russia in Ucraina c'è anche il riconoscimento della Crimea come territorio appartenente a Mosca. La penisola è stata invasa dai russi nel febbraio 2014: fino ad allora, era una Repubblica autonoma indipendente all'interno dell'Ucraina. Instaurato un governo filorusso e organizzato un referendum lampo, Mosca aveva annesso la Crimea violando il diritto internazionale della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina. Dal 20 febbraio a Sebastopoli si videro i primi posti di blocco russi insieme ai mezzi corazzati. Il 27 il via ai conflitti a fuoco con le forze armate ucraine, dopo i quali la Russia assunse il controllo del Consiglio supremo della Crimea (il Parlamento) occupando i posti strategici della penisola. In un tempo record fu organizzato un referendum sull'autodeterminazione della Crimea, che si concluse con il 95% dei voti favorevoli. Così il 28 marzo 2014 Mosca incorporò formalmente la Crimea e Sebastopoli come soggetti federali della Federazione russa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA