Svizzera, bocciato referendum sulla tutela delle corna delle mucche

Domenica 25 Novembre 2018
1
Svizzera, bocciato referendum sulla tutela delle corna delle mucche

La tutela delle corna delle mucche non sarà garantita dalla Costituzione svizzera. Gli elettori elvetici hanno bocciato l'iniziativa popolare «per la dignità degli animali da reddito agricoli (iniziativa per le mucche con le corna)» che avrebbe inserito un emendamento in questo senso, riferisce l'agenzia stampa Ats, citando proiezioni che danno il No al 54%. L'insolito referendum aveva attirato l'attenzione dei media, tanto più che le mucche sono un animale simbolo della Svizzera. Va però sottolineato che sui depliant turistici e le confezioni di cioccolato, fra montagne innevate e verdi pascoli, le mucche appaiono sempre con le loro corna. Ma nella realtà la stragrande maggioranza dei bovini viene privata di queste appendici, per evitare che le mucche si facciano male fra loro nelle stalle o feriscano gli allevatori.
Il referendum voleva spingere gli allevatori a risparmiare ai loro animali - non solo mucche, ma anche capre - questa mutilazione molto diffusa. E non stupisce che a lanciare la battaglia sia stato un esponente della Svizzera rurale e tradizionale, un allevatore del Giura bernese dalla folta barba bianca. L'uomo, Armin Capaul, è partito da solo con la raccolta di firme, utilizzando i risparmi della sua pensione, prima di ottenere l'appoggio di gruppi ambientalisti. Il referendum prevedeva un sostegno finanziario agli allevatori di mucche e capre pronti a rinunciare a tagliare le corna dei loro animali. Nel dibattito elettorale si è parlato molto di sofferenze, vere o presunte, degli animali, ma anche dei costi del programma. Se i veterinari si sono schierati per il No, gli allevatori erano divisi. E c'è chi ha argomentato che per tenere al chiuso mucche cornute servono stalle molto grandi, oppure gli animali devono essere legati. Il governo svizzero, che già versa contributi per incoraggiare il pascolo all'aperto e la libertà di movimento nelle stalle, consigliava di bocciare il referendum.

© RIPRODUZIONE RISERVATA