Sparatoria in supermercato a El Paso in Texas: 19 morti, 4 sono bambini e 40 feriti. Preso il killer: ha 21 anni Video

Sabato 3 Agosto 2019
4
Sparatoria in Texas

È di 19 morti e 40 feriti il bilancio della sparatoria all'interno del supermercato Walmart nel centro commerciale di El Paso in TexasLo riferisce il capo della polizia. Il killer, Patrick Crusius, di Dallas, 21 anni appena compiuti, è stato arrestato. Tra le vittime ci sono 4 bambini. «C'è solo un sospetto arrestato»: lo ha detto in conferenza stampa Robert Gomez, portavoce del dipartimento di polizia di El Paso, in merito alla sparatoria avvenuta principalmente - ha confermato - nel supermercato della catena Walmart, dentro il centro commerciale Cielo Vista. In precedenza si erano diffuse voci di tre arrestati.

Il killer averbbe cominciato a sparare nel parcheggio del centro commerciale facendo le prime vittime, poi sarebbe entrato. Il centro acquisti era particolarmente affollato perché c’era una svendita per il ritorno a scuola. Esattamente fra un mese, infatti, i bambini tornano a scuola dopo la fine delle vacanze estive.
 
 

I COLPI ESPLOSI DAL KILLER IN UN VIDEO
 


È intervenuta anche l'Fbi nella sparatoria nel centro commerciale di El Paso. 
IL MANIFESTO DEL KILLER
Circola in rete il presunto manifesto del killer de El Paso con le ragioni politiche, economiche che l'avrebbero indotto al gesto, nonché le armi scelte. «Democratici e Repubblicani - si legge nel documento di quattro pagine che circola in rete - hanno sbagliato per decenni e anche i Repubblicani in Texas sono pro immigrazione». Poi attacca la popolazione «ispanica» che starebbe «invadendo lo Stato». Quindi scrive, motivando le ragioni personali che l'avrebbero indotto al gesto: «La mia morte è inevitabile, ma non sarò ucciso dalla polizia ma probabilmente sarò colpito a morte da uno degli invasori». E ancora: «La mia ideologia non è mai cambiata nel corso di molti anni: so che molti media mi tacceranno di essere un suprematista della razza bianca, ma i media sono famosi per le notizie false. Io sono onorato di combattere per salvare la mia Patria dalla distruzione».

I documenti pubblici mostrano che l'ultimo indirizzo di Patrick Crusius, arrestato per la sparatoria a El Paso, è la casa della famiglia ad Allen, a mezzora da Dallas e a più di nove ore d'auto dalla città della strage. Non è chiaro se Crusius avesse qualche connessione con l'area di El Paso. Il giovane risulta vivere con i suoi genitori e avere una sorella gemella e un fratello più grande. La sua famiglia non ha commentato finora la sparatoria.

«Davvero straziante. Stai al sicuro El Paso, per favore seguite tutte le indicazioni del personale di emergenza mentre continuiamo ad avere altri aggiornamenti»: lo twitta il candidato presidenziale dem Beto Ò Rourke, che è nato e vive proprio a El Paso, dove è avvenuta la sparatoria.

«Terribile sparatoria a El Paso, Texas. Le notizie sono molto brutte, molte vittime. Stiamo lavorando con le autorità statali e locali e con le forze dell'ordine. Ho parlato con il governatore promettendo il totale sostegno del governo federale. Dio sia con tutti voi!»: lo ha twittato Donald Trump commentando la sparatoria a El Paso.

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma