Ragazzo scomparso trovato morto dopo un mese: era incastrato nel caminetto

Martedì 14 Gennaio 2020
1
Harley Dilly nelle foto diffuse dalla polizia durante le ricerche

Lo hanno cercato per più di un mese, con elicotteri, cani addestrati e squadre specializzate composte da almeno 75 agenti di polizia. Alla fine Harley Dilly, il ragazzo scomparso in Ohio, è stato ritrovato, ma la storia non ha un lieto fine: il suo corpo senza vita era all'interno di una canna fumaria, in una casa disabitata. Manca ancora la conferma definitiva, si attendono i risultati dell'autopsia, ma ormai ci sono davvero pochi dubbi: i resti trovati nel camino sono i suoi. Il caso ha tenuto in ansia gli Stati Uniti da prima di Natale: il quattordicenne Harley era stato visto l'ultima volta il 20 dicembre, a Port Clinton, la città dove viveva: era uscito di casa alle 6 di mattina per andare a scuola.

Aveva 14 anni il ragazzo morto nel carrello dell'aereo. Ani era entrato poco prima del decollo

Dopo settimane di ricerche, alla fine la polizia ha deciso di perlustrare una residenza estiva in corso di ristrutturazione, dove in questo periodo non vive nessuno. Niente induceva a pensare che il bambino potesse essere là, la porta era chiusa e la serratura non era stata forzata, ma dopo aver perlustrato in lungo e in largo un'area di 60 ettari gli agenti hanno deciso di entrare nell'abitazione. Una volta dentro, la polizia ha trovato una scena tragica. Il cappotto e gli occhiali dell'adolescente erano al secondo piano della casa, vicino a un caminetto. Quindi, guardando all'interno della canna fumaria, hanno scoperto il corpo di un ragazzo che con una certa sicurezza i ricercatori hanno identificato con quello di Harley.

Messico, ragazzo spara in classe e si uccide: morta l'insegnante, sei persone ferite

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il quattordicenne sarebbe salito sul tetto arrampicandosi sul traliccio di un'antenna, e si sarebbe poi infilato nel comignolo, per poi rimanere incastrato. Non è chiaro perché Harley abbia deciso di entrare nella canna fumaria, e probabilmente non lo si capirà mai. «È stato un incidente» ha dichiarato il capo della polizia di Port Clinton Robert Hickman. «Nessuno avrebbe voluto questa conclusione, ma almeno possiamo dare una risposta alla famiglia del ragazzo».

Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio, 20:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma