Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin, Johnson attacca: «Fosse stato donna non avrebbe fatto la guerra, esempio di maschilismo tossico»

Il premier britannico dopo il G7: "Guerra di invasione e violenza"

Putin, Johnson attacca: «Fosse stato donna non avrebbe fatto la guerra, esempio di maschilismo tossico»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 07:45 - Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 11:06

Boris Johnson, la situazione in Ucraina e la sua idea su Vladimir Putin. «Se Putin fosse stato una donna, cosa che ovviamente non è, non penso proprio che si sarebbe imbarcato in questa pazza e machista guerra di invasione e violenza». Lo ha detto all'emittente tedesca Zdf il premier britannico dopo il G7 in Baviera, aggiungendo che se da una parte i leader che hanno partecipato al vertice vogliono «disperatamente» la pace, al momento «non esiste possibilità di accordo».

Sergei Surovikin, chi è il generale (accusato di corruzione e brutalità) a cui Putin ha affidato le Forze Armate russe

Mosca allarga la guerra, attacchi a Nord e Ovest. Putin: daremo missili Iskander-M alla Bielorussia

«Putin - ha spiegato - non sta facendo alcuna offerta per un accordo e allo stesso tempo Zelensky, da parte sua, non può farne una». «Se cercate un esempio perfetto di maschilismo tossico, lo potete trovare guardando cosa Putin sta facendo in Ucraina», ha detto ancora Johnson, sottolineando che «nelle posizioni di potere c'è bisogno di una maggiore presenza femminile».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA