Iran, padre strangola figlia con la cintura. «Aveva alzato troppo la voce»

Giovedì 9 Luglio 2020
1
Iran, padre strangola figlia con la cintura. «Aveva alzato troppo la voce»

Una bambina di 10 anni è stata uccisa da suo padre, strangolata con una cintura solo perché «aveva alzato la voce». È successo in Iran, ma la storia è rimbalzata presto su tutti i media internazionali. Hussein Alef - questo il nome dell'uomo - ha confessato di aver ucciso sua figlia Hadith Orujlu per futili motivi, servendosi di una cintura e di un manteau iraniano, un abito tradizionale del paese mediorientale. 

LEGGI ANCHE Pakistan, una donna di 25 anni lapidata fino alla morte dal marito: «Delitto d'onore»
 


I media locali raccontano che l'uomo, dopo aver chiesto a un vicino se fosse punibile dalla legge (ed aver ricevuto rassicurazioni in merito), ha confessato: «Mia figlia ha alzato molto la voce, mi sono arrabbiato per un momento e non riuscivo più a controllarmi». Per la Sharia l'omicidio è punibile con la morte - secondo l'interpretazione "occhio per occhio" - ma la legge offre sconti di pena per l'uccisione di un bambino da parte di un tutore legale. «Pagherò un riscatto e rimarrò in prigione per pochi anni», avrebbe detto Hussein Alef secondo alcuni testimoni.

LEGGI ANCHE Due ragazze decapitate in Iran in tre giorni, una uccisa dal padre e l'altra dal marito

Raha Bahreini, ricercatore iraniano di Amnesty International, ha dichiarato a Fox News: «I padri o i nonni paterni che uccidono i loro figli o nipoti non sono soggetti alla proporzionalità, il che può esacerbare il rischio di "crimini d'onore" contro ragazze e donne».

Ultimo aggiornamento: 20:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA