Caos Libia, Haftar marcia su Tripoli nel giorno della visita del segretario dell'Onu

Giovedì 4 Aprile 2019
3
Libia, esercito di Haftar verso Tripoli: conquistata la città Gharian

Caos in Libia dove le forze dell'Esercito nazionale libico (Lna) del generale Khalifa Haftar sarebbero entrate nella città di Gharian, 100 chilometri a sud della capitale Tripoli, obbiettivo finale per quanto, al momento, imprendibile. È quanto risulta dalle dichiarazioni del portavoce dell'Lna, Ahmed al Mismari, secondo il quale «i nostri uomini sono stati accolti in festa dagli abitanti».
 

A dieci giorni esatti dalla Conferenza nazionale voluta dall'Onu per risolvere la crisi libica, il generale Khalifa Haftar spariglia insomma le carte e lancia un'operazione per la conquista di Tripoli proprio nel giorno in cui vi era in visita, per la prima volta da due anni, il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres. La presa di Tripoli, dove è insediato il premier Fayez al-Sarraj, è un obiettivo quasi impossibile dato che le milizie dell'ovest hanno subito serrato le fila e a difesa della capitale s'è schierata la potentissima Misurata.

E anche se per ora si tratta solo di scaramucce, la preoccupazione è dichiaratamente forte e la conferenza nazionale in programma a Ghadames dal 14 al 16 aprile è a rischio. Dopo aver conquistato il sud del Paese tra febbraio e marzo, Haftar ha dunque lanciato quella che ha pomposamente chiamato 'l'Operazione per la liberazione di Tripolì dopo che le sue truppe sono entrate senza combattere a Garian, un centro situato a 80 km in linea d'aria dal centro di Tripoli.

In un audio-messaggio, Haftar si è rivolto a quel mix di miliziani e truppe regolari che formano l'Esercito nazionale libico (Lna) di cui è comandante generale: «Eccoci, Tripoli. Eccoci, Tripoli», ha detto evocando una formula islamica legata al pellegrinaggio alla Mecca. «Eroi, l'ora è suonata, è venuto il momento» del «nostro appuntamento con la conquista. Oggi facciamo tremare la terra sotto i piedi degli ingiusti», ha aggiunto il generale cirenaico, esortando le bellicose milizie dell'ovest ad arrendersi alla sua «marcia vittoriosa»: sarà «salvo» solo «colui che depone le armi» e «che sventola bandiera bianca». Molti analisti ritengono che Haftar (che aveva annunciato un velleitario attacco a Tripoli già nel 2015) non abbia la forza per espugnare la capitale libica come invece ha fatto casa per casa con Bengasi e Derna.

Una valutazione rafforzata dal fatto che Misurata ha annunciato una sorta di arrocco, spostando milizie verso la capitale messa in «stato d'emergenza massima» con allerta anche per l'Aviazione. La mossa odierna sarebbe dunque solo un modo per presentarsi in posizione di forza alla conferenza di Ghadames. Il segretario generale dell'Onu, Guterres, ha invocato «calma e moderazione» perché, «in questa circostanze», la conferenza nazionale che dovrebbe partorire una data per le elezioni «é impossibile». Ma in serata è stata segnalata una ripresa degli scontri che mercoledì avevano causato la morte di almeno un uomo dell'Lna nei pressi di Alasaba. Preoccupazione e allarme si sono diffusi anche a Roma.

Il premier Giuseppe Conte è tornato ad invocare «un percorso politico sotto la guida delle Nazioni Unite» perché «le opzioni militari, tanto più se unilaterali, non offrono alcuna garanzia di realizzare soluzioni responsabili e durature». Il titolare della Farnesina Enzo Moavero, da Washington dove si trova per il vertice Nato, ha fatto sapere di essere in contatto con l'ambasciata a Tripoli e di seguire gli sviluppi con attenzione. Mentre Matteo Salvini ha posto la questione alla riunione dei ministri dell'Interno del G7 a Parigi e ha sentito telefonicamente il vicepremier libico Maitig. Per un'altra più o meno casuale coincidenza, proprio poco prima che iniziassero gli scontri il presidente americano Donald Trump ha annunciato la nomina di Richard B. Norland come ambasciatore straordinario e plenipotenziario in Libia.
 

Ultimo aggiornamento: 5 Aprile, 10:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma