Libia, attacco aereo a centro migranti: almeno 100 morti e 80 feriti. Haftar: sbagliato obbiettivo

Mercoledì 3 Luglio 2019
12

Strage di migranti in Libia: un attacco aereo al centro di detenzione di migranti illegali di Tajoura attribuito alle forze del generale Haftar ha causato almeno 100 morti e almeno 80 feriti. I numeri sono forniti dal ministero della Salute del governo Serraj. Il raid fa salire vertiginosamente la temperatura della guerra civile in Libia.  Un portavoce delle forze del generale Khalifa Haftar (Lna) ha detto che il raid era mirato contro la base di una milizia. «Non avevamo ordini di prendere di mira il centro», ha detto il generale Khaled el-Manjoub accusando le forze governative di sfruttare i migranti come «scudi umani piazzandoli in depositi di munizioni».
 

 

Il bombardamento è avvenuto alle porte di Tripoli in un centro di detenzione vicino al mare dove i migranti bloccati prima degli imbarchi illegali li avrebbero condotti a tentare la sorte per sperare in un approdo in Europa.

Il ministero della Salute del governo sostenuto dall'Onu aveva detto inizialmente che nel bombardamento sul centro di detenzione di Tagiura erano rimasti feriti almeno 80 migranti. In un comunicato, il governo appoggiato dagli Stati Uniti accusa il sedicente Esercito nazionale libico guidato dal comandante Khalifa Haftar per il raid aereo. La Libia è divisa tra due governi in guerra e le forze di Haftar controllano gran parte dell'est e del sud del Paese. 

Nei giorni scorsi proprio Serraj aveva chiesto un incontro riservato avvenuto a Milano con il vicepremier Matteo Salvini per sollecitare al governo italiano un'azione decisa a limitare le mosse di riarmo dell'oppositore Haftar. 

Il campo dindetenzione di Tajoura è stato di recente messo al.centro dell'attenziome dell'opinione pubblica per le denunce degli organismi umanitari per le condizioni di vita dei migranti reclusi, per le insistenti notizie di sevizie e torture.

«Il Consiglio presidenziale del Governo di accordo nazionale condanna duramente l'orribile crimine perpetrato dall'aviazione del criminale di guerra Khalifa Haftar contro il centro di accoglienza per migranti a Tajoura che ha causato decine di morti e feriti»: lo si afferma in un comunicato dell'esecutivo libico del premier Fayez al-Sarraj. «Questo vile attacco è un assassinio e un crimine di guerra che si aggiunge alla lista di gravi violazioni contro l'Umanità perpetrate da questo aggressore», prosegue la nota pubblicata sulla pagina Facebook dell'ufficio stampa dell'esecutivo.

Ultimo aggiornamento: 20:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma