Seconda morte sospetta per allergia fulminante in una catena di fast food

Lunedì 8 Ottobre 2018
Celia Marsh

Morte sospetta per una cliente della catena britannica di fast food Pret a Manger. La donna potrebbe essere morta nei mesi scorsi a causa di un'allergia fulminante innescata dall'ingestione d'un sandwich dall'etichetta lacunosa. A rivelarlo è stata la stessa azienda, svelando l'avvio di indagini sul decesso a fine 2017 di una donna di 42 anni, Celia Marsh, residente a Melksham, nella contea inglese del Wiltshire.

La donna si è sentita male dopo aver consumato un panino, sulla carta «super vegetariano», e uno yogurt garantito come privo di lattosio, ma forse contenente proteine di origine casearia non rilevate nelle avvertenze. Le verifiche sono ancora in corso, come riferisce oggi la Bbc, sullo sfondo di un rimpallo di responsabilità e smentite incrociate fra i vertici di Pret A Manger e quelli di Coyo, la ditta produttrice delle yogurt.

Il caso rappresenta comunque un nuovo brutto colpo per la catena di fast food, riconosciuta corresponsabile di recente della morte nel 2016 di una 15enne, Natasha Ednan-Laperouse, uccisa da una crisi allergica dopo aver mangiato una baguette contenente semi di sesamo non indicati. Per quella vicenda Pret A Manger si è scusata, annunciando da quest'anno l'introduzione di un nuovo sistema di etichettatura con l'indicazione dettagliata a vasto spettro dei potenziali allergeni. 
 

Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre, 11:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Quelli che vogliono tutelare i piloni della Tangenziale

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma