MATTEO SALVINI

Dopo Farage il no del polacco Kaczynski: «Nessun gruppo insieme a Salvini e Le Pen»

Giovedì 6 Giugno 2019
Dopo Nigel Farage, anche il polacco Jaroslaw Kaczynski dice no alla Lega di Salvini: il leader del partito della Legge e della Giustizia (PiS), netto vincitore delle elezioni europee nel Paese ex sovietico, ha annunciato che non aderirà a un gruppo con la Lega di Matteo Salvini e con il Rassemblement national di Marine Le Pen. In un'intervista alla radio Wnet, Kaczynski ha detto: «Salvini vuole creare un nuovo gruppo con formazioni che non possiamo accettare in alcun modo», con un evidente riferimento alla Le Pen e al partito dell'estrema destra tedesca Afd (Alternativa per la Germania). Il PiS al Parlamento europeo siede al momento nel gruppo dei conservatori Ecr, mentre la Lega con Rn e Afd sta nel gruppo dell'Europa delle nazioni e della libertà (Enl).

Ad una decina di giorni dalle europee e in parallelo al confronto tra Bruxelles e Roma sui conti pubblici, le famiglie politiche europee sono in pieno fermento, tra riunioni, incontri privati, nuovi e vecchi ingressi. Grandi manovre che investono direttamente l'Eurocamera e la pongono al centro del dibattito in un risiko di alleanze dove nessuno, specie tra i rappresentanti dei partiti che compongono il governo giallo-verde, vuole rimanere escluso o essere relegato ai margini dell'agone. Nell'ambito di questo valzer, dopo giorni di tira e molla è arrivata la doccia fredda di Farage, che ha chiuso al gruppo sovranista. Il leader del Brexit Party ha spiegato di avere avuto un «incontro privato» e che tale doveva rimanere con alcuni esponenti dell'Enf (il gruppo dove siede la Lega), che invece «si sono comportati malissimo». Farage ha precisato di «non aver mai preso l'impegno di unirsi a loro» ma di avere avuto invece «una conversazione preliminare amichevole che loro hanno deciso di utilizzare in modo politico e direi piuttosto disonesto».

I leghisti comunque non drammatizzano. Secondo l'eurodeputato del Carroccio Marco Zanni, in futuro «ci sarà una cooperazione politica anche con partiti che non apparterranno al nostro gruppo». L'interlocutore in questione sarebbe Fidesz, il partito del premier ungherese Viktor Orban, attualmente sospeso dal Ppe, ma sempre con un piede nel gruppo del centrodestra europeo. «Anche se loro rimangono nel Ppe, stabiliremo formalmente una cooperazione e quindi un coordinamento sui provvedimenti da votare e sulle nomine sia in Parlamento, sia nelle istituzioni», ha precisato Zanni, annunciando che «la stessa cosa la faremo con i polacchi, con i cechi» e «con tutti quei partiti che oggi vedono la necessità di un cambio totale di passo nell'Ue».

(Nella foto Jaroslaw Kaczynski)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma