Coronavirus, diretta: Trump sospende i finanziamenti all’Oms. Oltre 125 mila vittime nel mondo

Coronavirus, diretta: oltre 120mila morti nel mondo, in Spagna 567 in 24 ore
19 Minuti di Lettura
Martedì 14 Aprile 2020, 07:29 - Ultimo aggiornamento: 15 Aprile, 08:00

Coronavirus, si allunga il bilancio delle vittime della pandemia da Covid19 nel mondo: ad oggi sono oltre 125 mila i morti a causa del nuovo coronavirus. È quanto emerge dal bilancio aggiornato della Johns Hopkins University. I contagi sono 1.929.922. Negli Usa continua a crescere il bilancio delle vittime da Covid19: sono 1.509 i morti in 24 ore, per un totale di 23.529, sempre secondo il conteggio della Johns Hopkins University. Lo stato di New York, epicentro dell'epidemia negli Stati Uniti, ha superato le 10.000 vittime.

Donald Trump sospende i finanziamenti all'Organizzazione Mondiale della Sanità. Lo annuncia Trump criticando duramente l'Organizzazione che ha «fallito nell'ottenere tempestive informazioni sul coronavirus». L'Oms ha dato informazioni false sul coronavirus: i suoi ritardi sono costati vite umane. Lo afferma Donald Trump, sottolineando che l'epidemia del coronavirus poteva essere contenuta. «I suoi errori sono costati vite», aggiunge Trump.

Guteress (Onu): «Ora non è il momento di tagliare i fondi all'Oms». Ora «non è il momento» di ridurre le risorse per l'Organizzazione mondiale per la Sanità. Così il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha replicato all'annuncio di Donald Trump della sospensione del versamento degli fondi Usa all'Oms. In una dichiarazione, Guterres ha sottolineato che ci troviamo a fronteggiare una crisi, quella del coronavirus, «senza precedenti che richiede una risposta senza precedenti». «Ovviamente, in queste condizioni, è possibile che gli stessi fatti abbiamo letture diverse da diverse entità - prosegue la dichiarazione - quando finalmente avremo voltato la pagina di questa epidemia, ci sarà il tempo per guardarsi indietro e capire come questa malattia sia emersa e come abbia diffuso la sua devastazione così velocemente in tutto il mondo e come tutti hanno reagito alla crisi». «La lezione appresa sarà essenziale per affrontare in modo efficace simili sfide che potranno emergere in futuro - ha concluso il capo dell'Onu - ma ora non è il momento. Come non è anche il momento di ridurre le risorse per le operazioni dell'Oms o di altre organizzazioni umanitarie che stanno combattendo il virus».

Nuovo record di morti in un solo giorno in Francia con 762 decessi nelle ultime 24 ore. Sale così a 15.729 il bilancio delle vittime dal 1 marzo ad oggi per l'epidemia di Coronavirus, di cui 10.129 negli ospedali e 5.600 nelle case di riposo. Lo ha reso noto il direttore generale della Sanità, Jerome Salomon. Per il 6/o giorno consecutivo il saldo fra i nuovi pazienti in rianimazione e quelli usciti dal reparto fa registrare un calo complessivo di 91 unità. Attualmente i ricoverati in rianimazione sono 6.730. 


Coronavirus, via libera a quattro test per certificare l'immunità: ne servono migliaia subito

Coronavirus, slitta la cig: per i lavoratori in cassa integrazione l'assegno entro 30 giorni


Israele, lockdown per Pasqua ebraica. Migliaia di soldati e poliziotti sono stati dispiegati in Israele per garantire il rispetto del lockdown rinforzato che scatta alle 17, ora locale, in occasione della fine di Pesach, la Pasqua ebraica, in modo da evitare la diffusione del contagio da coronavirus durante la ricorrenza religiosa. Fino alle cinque del mattino di giovedì nessuno potrà allontanarsi più di cento metri da casa, né saranno possibili spostamenti fra diverse città. Tutti i negozi saranno chiusi e i trasporti pubblici interrotti. Intanto le autorità stanno valutando se fare altrettanto fra il 27 e il 29 aprile, in occasione della Festa dei caduti e la Festa dell'Indipendenza. In particolare si vuole evitare che il pubblico affolli i cimiteri il 27 quando si ricordano i soldati morti e le vittime del terrorismo.

Svezia, superati i mille morti. Sono oltre mille i morti a causa del Covid-19 registrati in Svezia dall'inizio dell'emergenza. Lo ha comunicato l'Agenzia per la Sanità pubblica del governo svedese, precisando che i decessi sono 1.033 ed i casi confermati 11.445. Secondo le autorità sanitarie scandinave, il numero dei morti potrebbe essere più alto perché non tutti i decessi sono stati registrati a causa delle vacanze di Pasqua. A differenza della maggior parte dei paesi colpiti, tra cui quelli vicini, la Svezia non ha imposto la chiusura dei locali pubblici e della scuole. Restano consentiti i raduni fino a 50 persone.

In Spagna 3.045 nuovi casi (+1,8%) e 567 decessi in 24 ore. La Spagna ha registrato nelle ultime 24 ore 3.045 nuovi casi di contagio da Coronavirus, con un aumento dell'1,8% rispetto a ieri, il dato minimo dall'inizio della pandemia. Lo riporta 'El Pais', sulla base dei dati del Ministero della Sanità spagnolo. I decessi sono stati 567 in un giorno a un totale di 18.065. I casi di contagio sono complessivamente 172.541, con 67.504 pazienti guariti.

Quasi 27.000 casi tra gli operatori sanitari. Sono 26.672 i casi di Covid-19 tra gli operatori sanitari in Spagna dall'inizio dell'emergenza nel Paese che conta 18.056 morti con coronavirus e un totale di 172.541 casi confermati. Lo ha reso noto Fernando Simón, il responsabile del Centro spagnolo per il coordinamento delle emergenze sanitarie che era risultato positivo ai test per il coronavirus e che è tornato oggi per la prima volta al suo posto in conferenza stampa.

Simón ha precisato che «una grandissima parte» degli operatori sanitari che hanno contratto l'infezione sono già tornati al lavoro - ma non ci sono numeri precisi - e che in generale il livello di gravità dei casi è inferiore in rapporto al resto della popolazione. «Ci sono vari fattori che possono spiegare questo dato - ha detto - L'età media degli operatori sanitari è più bassa (rispetto alla popolazione) e forse che si è potuta fare una diagnosi precoce». Il giornale El Pais scrive di una «ventina» di operatori sanitari morti dall'inizio dell'emergenza.


Italia, Iss«Influenza, epidemia al termine con 7,5 milioni di casi». L'epidemia influenzale arriva al termine, dopo aver contagiato, quest'anno, oltre 7,5 milioni di persone in Italia. È quanto rende noto il nuovo bollettino di sorveglianza epidemiologica Influnet, a cura dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss). Nella 14/ma settimana del 2020, dal 30 marzo al 5 aprile 2020, il numero di casi stimati è stato di circa 70.000, per un totale, da metà ottobre, di 7.522.000 contagi. L'incidenza totale ha ormai raggiunto 1,2 casi per mille assistiti e «in tutte le Regioni è terminato il periodo epidemico». Il picco epidemico è stato raggiunto quest'anno nella settimana a cavallo tra gennaio e febbraio, con un livello pari a circa 13 casi per mille assistiti. Valore che, secondo un primo bilancio dell'Iss, colloca la stagione 2019-2020 a un livello di «media intensità». Come di consueto, sono state colpite soprattutto le età pediatriche, ma i casi più gravi e complicati si sono verificati nella popolazione anziana.
 





Germania: oltre 127mila casi, superati i 3.000 decessi. Sono 127.269 (+2.082) i casi di contagio da coronavirus in Germania, secondo l'aggiornamento fornito dal Robert Koch Institut. Il bilancio delle vittime è di 3.098 morti, con 170 nuovi decessi registrati rispetto al precedente bollettino. I guariti sono 68.200, rispetto ai 64.600 del giorno precedente. «Ci sono alcune tendenze positive nei dati», ha detto Lothar Wieler, presidente del Rki. Non si può ancora parlare di contenimento, ha aggiunto, ma «stiamo assistendo a un rallentamento». Un segnale, secondo Wieler, che le misure adottate hanno funzionato.

Russia: oltre 20.000 contagi, record di casi in un giorno. Continuano ad aumentare i casi di coronavirus in Russia, dove viene superata la soglia del 20.000 contagi. I nuovi dati riportati dall'agenzia Tass parlano infatti di 2.774 nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore, un preoccupante record per il Paese, per un totale di 21.102.

Mosca:
«Inaccettabile accusare la Cina della pandemia di Covid19». I tentativi di ritenere la Cina responsabile della pandemia di Covid-19, anche dal punto di vista economico, sono «inaccettabili e vergognosi». Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. «Quando sentiamo qualcuno sostenere che la Cina dovrebbe pagare per tutti per l'insorgenza di questa infezione e che qualcuno non ha informato gli altri in tempo... sapete, questo è davvero oltre il limite», ha detto Lavrov in un'intervista con giornalisti russi e stranieri. Lo riporta Interfax.

Corea del Sud: 27 casi, è allerta per nuovi positivi dopo la guarigione. La Corea del Sud registra 27 nuovi casi di coronavirus, 12 dei quali 'importatì, e cinque decessi. Le autorità sanitarie, scrive l'agenzia Yonhap, «tengono sotto controllo le persone risultate nuovamente positive ai test per la Covid-19» dopo essere state dichiarate guarite. I dati ufficiali dei Centri di controllo e prevenzione delle malattie (Kcdc) parlano di un totale di 10.564 casi di coronavirus nel Paese, 940 'importatì, e di 222 morti. Sono 7.534 i pazienti dichiarati guariti. Le zone più colpite sono quelle di Daegu e della provincia del Gyeongsang Settentrionale con 6.822 e 1.342 casi. Quattro giorni fa Jeong Eun-kyeong, direttore dei Kcdc, aveva parlato di 91 pazienti che si riteneva fossero guariti dal coronavirus e che sono invece risultati nuovamente positivi ai test. È possibile, diceva, che il virus si sia «riattivato» nei pazienti, e non che questi abbiano nuovamente contratto l'infezione.



Giappone:  311 nuovi casi, 8.357 in totale. Sono 311 i nuovi casi di coronavirus che si sono registrati in Giappone nelle ultime 24 ore e sette le persone che hanno perso la vita. Lo ha detto il ministero degli Esteri del Giappone, spiegando che sono saliti così a 8.357 i contagi confermati nel Paese. In questo dato sono compresi i 712 casi registrati sulla nave da crociera Diamond Princess. Nel bilancio totale, sono 121 le persone che in Giappone sono morte dopo aver contratto il Covid-19, 12 di loro erano sulla Diamond Princess.

Pakistan: 342 nuovi contagi in 24 ore, il bilancio dei morti è di 5.716. Con i tre decessi di ieri, il numero dei morti per il nuovo coronavirus è salito a 96 in Pakistan, mentre i contagi sono aumentati di 342 con il totale che ha raggiunto il numero di 5.716 nelle ultime 24 ore. Lo riferisce il ministero della Sanità. I guariti sono 1.378. La provincia orientale del Punjab è l'area più colpita con 2.826 casi seguiti dal Sindh con 1.452 contagi. Oggi ad Islamabad si terrà una riunione d'emergenza del centro operativo nazionale per adottare importanti decisioni sulla situazione del nuovo coronavirus, incluso il lockdown in corso nel Paese.

Israele: 11.868 casi, 117 decessi. Il numero dei casi positivi di coronavirus è salito in Israele a 11.868, mentre i decessi sono stati finora 117. Lo ha reso noto il ministero della sanità. I malati gravi sono oggi 181 e di questi 136 sono in rianimazione. Le guarigioni sono state 2.000.


Italia, oggi riaprono librerie e negozi per bimbi. Riaprono da oggi librerie, cartolerie e negozi d'abbigliamento per l'infanzia. Con differenze però da regione a regione. Il governo studia intanto un possibile anticipo della 'fase 2', per far ripartire alcune attività già dalla prossima settimana: moda, automotive e metallurgia in testa. «Andremo al mare questa estate», assicura la sottosegretaria Bonaccorsi. Da domani il bonus da 600 euro sui conti correnti degli autonomi.

Malati ancora in calo, ma in Lombardia aumentano i decessi. Continua in Italia il calo dei malati e dei ricoveri in terapia intensiva per coronavirus. In controtendenza la Lombardia, con un aumento di contagi e morti. Le vittime a livello nazionale hanno superato quota 20mila. Passi avanti intanto sulle cure: inizieranno a fine aprile i test sull'uomo del vaccino messo a punto da un'azienda di Pomezia con l'università di Oxford; si potrebbe usare a settembre sui sanitari e forze dell'ordine


In Francia le misure di «più rigido» confinamento contro il coronavirus continueranno fino a lunedì 11 maggio: lo ha annunciato il presidente francese, Emmanuel Macron, in un messaggio alla nazione questa sera in tv. Il leader francese ha detto di essere consapevole della portata dello «sforzo» richiesto ai concittadini ma è «l'unico modo» per contrastare il virus.

«L'11 maggio prossimo sarà l'inizio di una nuova tappa», una tappa «progressiva», visto che «l'obiettivo principale resta la salute di tutti i francesi»: lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, nel solenne messaggio alla nazione sul coronavirus. «A partire dall'11 maggio - ha aggiunto - riapriremo progressivamente asili, scuole università», ha aggiunto.

Coronavirus, la frenata di Ursula Von der Leyen: «Non fate piani per le vacanze estive»

Oms: Covid19 10 volte più letale dell'influenza. «Le prove provenienti da diversi Paesi ci stanno dando un quadro più chiaro di questo virus, come si comporta, come fermarlo e come trattarlo. Sappiamo che il COVID-19 si diffonde rapidamente e sappiamo che è 10 volte più mortale del virus responsabile dell'influenza del 2009». Lo ha spiegato il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel briefing sul coronavirus da Ginevra.

Oms: mascherina diventerà la norma. Indossare la mascherina protettiva diventerà la norma. Lo ha detto il portavoce dell'Oms, David Nabarro, alla Bbc. «Il coronavirus non andrà via. Non sappiamo se le persone che lo hanno avuto siano immuni né quando avremo un vaccino», ha spiegato. «Quindi qualche tipo di protezione facciale diventerà la norma, anche se solo per rassicurare le persone», ha sottolineato.

Gran Bretagna, Johnson negativo. Boris Johnson è stato testato di nuovo al coronavirus in ospedale, prima di essere dimesso ieri e trasferito nella residenza governativa britannica di campagna di Chequers, ed è ora «negativo». Lo ha precisato un portavoce di Downing Street ai giornalisti nell'ultimo aggiornamento odierno sulle condizioni del premier Tory, confermando che ora BoJo è a riposo. «Mi hanno detto che è una pratica standard testare» chi sta per essere dimesso, ha detto il portavoce rispondendo a una domanda al riguardo, «e i risultati sono stati negativi».

Altri 717 morti nel Regno Unito, in leggero calo. Cala a 717, contro i 737 di ieri, e i record di 911 e 980 dei 2 giorni precedenti, l'incremento del numero di morti da coronavirus registrati nel Regno Unito nelle ultime 24 ore. Lo certificano i dati diffusi oggi del dicastero della Sanità, portando il totale dei decessi censiti nel Paese a poco meno di 11.329. I contagi diagnosticati superano intanto quota 88.000, con una curva di crescita pure in calo, attorno a 4300 casi giornalieri in più, ma comunque ancora vicina al picco. Mentre i test complessivi salgono a oltre 367.000.


Trump non licenzierà l'infettivologo Fauci. «Time to #FireFauci» (Tempo di silurare Fauci)»: lo ha scritto Donald Trump ritwittando un post con tanto di hashtag dell'ex candidata repubblicana alla Camera Deanna Lorraine, dopo che il super esperto della task force della Casa Bianca contro il coronavirus ha confermato ai media Usa che se fossero state prese prima certe misure si sarebbero potute salvare molte vite. Una mossa, quella del tycoon, che rilancia la sua insofferenza per le critiche dell'infettivologo.

«Fauci ora dice che se Trump avesse ascoltato prima gli esperti medici avrebbe potuto salvare molte vite», scrive Lorraine, ricordando che «Fauci diceva alla gente il 29 febbraio che non c'era nulla di cui preoccuparsi e che il virus non poneva alcuna minaccia agli americani in generale».

Poi, il dietrofront: Trump non licenzierà l'infettivologo Fauci. Il presidente Donald Trump non licenzierà Anthony Fauci, il super esperto della task force Usa contro il coronavirus. Lo rende noto la Casa Bianca.


 

«La mia era una risposta ipotetica»: Anthony Fauci, il super esperto della task force Usa contro il coronavirus, getta acqua sul fuoco delle polemiche dopo l'intervista alla Cnn in cui aveva detto che se si fosse intervenuti prima ci sarebbero potute salvare vite. «Ô ovvio che vi sarebbero stati meno morti», ha osservato, negando che fosse una critica al presidente. «L'unica volta in cui io e la dottoressa Birx gli abbiamo raccomandato il lockdown, ha agito subito» con misure di mitigazione, ha precisato Fauci. 

«Il dottor Fauci è una persona straordinaria»: Donald Trump elogia l'autorevole virologo della task force anti coronavirus dopo aver ritwittato un post che sollecitava il suo licenziamento. «Ho solo ritwittato l'opinione di un'altra persona, non tutti sono d'accordo con Fauci, ma è una persona straordinaria, abbiamo fatto un grande lavoro insieme», ha spiegato il presidente Usa nel suo briefing quotidiano alla Casa Bianca. Nel suo briefing alla Casa Bianca sul coronavirus, il presidente americano Donald Trump ha rivendicato di avere «l'autorità suprema» per riaprire l'economia degli Stati Uniti. Una affermazione che arriva mentre vari governatori stanno lavorando insieme per piani coordinati di riapertura delle attività imprenditoriali. 

Morto marinaio a bordo della portaerei Roosevelt. Primo marinaio morto per coronavirus a bordo della portaerei americana Theodore Roosevelt, dopo che il suo comandante è stato rimosso per aver rivelato ai media una lettera in cui sollecitava un'azione più decisa del Pentagono contro la diffusione a bordo del Covid-19. La Marina ha detto che il militare, la cui identità non è stata ancora resa nota, era risultato positivo lo scorso 30 marzo ed era stato sbarcato. Il 9 aprile era stato ricoverato in terapia intensiva in un ospedale della Marina militare a Guam. A bordo della portaerei ancorata al largo di Guam c'erano circa cinquemila marinai. Sino ad oggi 550 sono risultati positivi al virus.

Danimarca, riaprono le scuole. In Danimarca, dopo settimane di chiusura per l'emergenza coronavirus, riapriranno gli asili e le scuole elementari, in almeno due scaglioni: 52 municipalità, fra cui Copenaghen, già da mercoledì, per altre 46 invece se ne riparla il 20 aprile. Lo rende mota l'associazione delle autorità locali danese (KL) ctata dal sito The Local.dk. Lo scaglionamento, fa sapere il giornale, dipende dai tempi di messa a norma, secondo le misure di sicurezza previste, degli istituti. La decisione di aprire le scuole elementari è stata annunciata lunedì scorso in conferenza stampa dalla premier Mette Frederiksen, alla quale è seguita la pubblicazione delle regole igienico-sanitarie da parte del ministero della sanità.


Belgio, 202 morti in 24 ore. Le autorità sanitarie del Belgio hanno aggiornato il bilancio dei contagi e delle vittime dell'epidemia di coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 202 nuovi decessi, per un totale di 3.903. Inoltre, sono stati registrati 942 nuovi casi di contagio, con 310 ricoveri in ospedale. Sempre nelle ultime 24 ore, 239 pazienti hanno lasciato gli ospedali, dove sono ricoverati attualmente 5.393 persone, di cui 1.234 in terapia intensiva. Dall'inizio dell'epidemia, in Belgio sono stati confermati 30.589 casi di contagio.

Malesia, robot per visitare i malati. Per contenere il rischio di esposizione al coronavirus per medici e infermieri un gruppo di scienziati in Malaysia hanno inventato 'Medibot', un robot in grado di fare visita ai pazienti ricoverati. Alto un metro e mezzo, equipaggiato di telecamera e schermo per permettere ai medici di comunicare con i malati, il robot può anche misurare la temperatura. È stato creato dagli scienziati dell'International Islamic University che adesso vogliono cominciare ad utilizzarlo nel loro ospedale, dove non sono ricoverate persone con il Covid-19. Per sviluppare 'Medibot' ci vogliono circa 3.500 dollari. Se la sperimentazione andrà bene gli scienziati sperano di inviarlo presto negli ospedali dove si cura il coronavirus. In Malaysia ci sono al momento 4.683 casi, incluse 76 vittime. 


Germania, guariti superano i malati. La Germania ha più persone guarite che persone ancora malate di coronavirus, dicono fonti ufficiali tedesche citate da Bbc. Nelle ultime 24 ore i test positivi sono stati 2.537, che portano il totale a 127.854, appena oltre il 50% dei quali risulta ora guarito. In Spagna il tasso di guarigione è al momento del 37%, in Italia del 22%, in Francia del 21% e in Gran Bretagna è ancora dello 0,3%. La Germania, ricorda Bbc, ha un tasso di letalità più basso rispetto a Spagna, Italia, Francia e Regno Unito, perché effettua più tamponi, e quindi registra anche i casi meno gravi e leggeri. 

Israele, oltre 11mila contagi. Il numero dei casi positivi di coronavirus in Israele è salito oggi a 11.235. I malati in condizioni gravi sono 181 (il 4% in più rispetto a ieri) e fra di essi 131 sono in rianimazione. I decessi sono stati complessivamente 110. Lo ha reso noto il ministero della sanità, secondo cui le guarigioni sono state finora circa 1.700. La città più colpita dalla pandemia è Gerusalemme, con 2.093 casi positivi, seguita dalla cittadina ortodossa di Bnei Brak (200 mila abitanti, presso Tel Aviv) con 1.898 casi. 'Zone rossè di rafforzata limitazione negli spostamenti sono state proclamate a Gerusalemme in diversi rioni (in prevalenza abitati da ebrei ortodossi) e a Bnei Brak. A Tel Aviv i casi positivi sono finora 458. Da ieri a tutti gli abitanti di Israele è stato imposto di utilizzare mascherine protettive se sono costretti ad uscire di casa.

Bulgaria, calano i contagi. Calano i contagi in Bulgaria dove nelle ultime 24 ore si sono registrati solo 7 nuovi casi di coronavirus (4 nella capitale Sofia, 6 i ricoverati in ospedale), con il totale che sale a 676, pari un aumento dell'1% rispetto al giorno precedente. I nuovi decessi sono tre, e il numero delle vittime sale a 31, con un'età media di 64 anni (17 uomini e 14 donne). Restano 36 i contagiati fra il personale medico. Negli ospedali del Paese sono ricoverati 230 pazienti, 36 dei quali sono in terapia intensiva. Stamane il generale Ventsislav Mutafciyski, responsabile dell'Unità di crisi per l'emergenza sanitaria, ha annunciato che sono state importate 15mila dosi di farmaci a base di clorochina e di idrossiclorochina per la cura di malati di Covid-19. Ha aggiunto che la Bulgaria ha esportato 32 tonnellate di generi alimentari verso gli Emirati arabi, ricevendo in cambio 15 tonnellate di materiale medico-sanitario, comprese mascherine, guanti e tute.

Spagna, oggi alcune riaperture. Dopo due settimane di lockdown totale, passato il drammatico picco dell'epidemia di coronavirus, la Spagna da oggi prova a ripartire. E riaprono, seppure fra rigidissime misure di igiene e sicurezza, alcune attività «non essenziali», come uffici, edilizia e industria. Una ripartenza - ricorda il quotidiano El Pais - contestata da molti operatori sanitari e da parte delle forze politiche e amministrazioni territoriali, come ad esempio la Catalogna. Restano invece per ora chiusi scuole, cinema e teatri, ristoranti locali e bar. La riapertura parziale - stabilita con decreto del governo Sanchez del 29 marzo - prevede misure stringenti sui posti di lavoro: distanziamento, uso di disinfettanti e mascherine ecc., controlli nelle strade, la distribuzione gratuita di 10 milioni di mascherine sui mezzi pubblici a chi non può andare al lavoro sui mezzi privati e la pubblicazione di un decalogo di comportamenti igienico-sanitari corretti.

Coronavirus, la Spagna riparte: riaprono attività "non essenziali" come uffici e industrie

Libia, 25 casi. La Libia registra altri nuovi casi di coronavirus che portano il totale dei contagi confermati a 25. Lo rende noto il Centro nazionale libico per il controllo delle malattie sulla propria pagina Facebook. Otto i guariti. Finora nel Paese nordafricano il virus ha provocato un solo morto.


Coronavirus, il virologo Burioni a 'Che tempo che fa': «Per fase 2 servono tamponi, mascherine e app per tracciare i cellulari»

Coronavirus, Trump chiese a Fauci: «Perché non lasciamo che il coronavirus inondi il Paese?. Gran Bretagna supera i 10 mila morti


In Cina 108 casi, mai così alti da un mese. La Cina riporta 108 nuovi casi di coronavirus, il numero più alto in almeno un mese. Lo ha annunciato la National Health Commission cinese, spiegando che 98 delle nuove infezioni sono state importate. Sono invece 10 i casi trasmessi localmente - sette nella provincia di Heilongjiang nord-orientale e tre nella provincia di Guangdong, nel sud del paese. Nonostante sia l'epicentro originale della pandemia di coronavirus, la Cina ha visto una drastica riduzione dei casi nel corso dell'ultimo mese e recentemente ha iniziato a rimuovere rigide disposizioni di blocco. Ma i funzionari sono ora preoccupati per una seconda ondata di infezioni portate dall'estero. Il numero totale di casi segnalati ufficialmente nel Paese, stando ai dati della Johns Hppkins University diffusi stamattina, è di 83.523.

 


 
 

 


Guteress (Onu): «Ora non è il momento di tagliare i fondi all'Oms». Ora «non è il momento» di ridurre le risorse per l'Organizzazione mondiale per la Sanità. Così il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha replicato all'annuncio di Donald Trump della sospensione del versamento degli fondi Usa all'Oms. In una dichiarazione, Guterres ha sottolineato che ci troviamo a fronteggiare una crisi, quella del coronavirus, «senza precedenti che richiede una risposta senza precedenti». «Ovviamente, in queste condizioni, è possibile che gli stessi fatti abbiamo letture diverse da diverse entità - prosegue la dichiarazione - quando finalmente avremo voltato la pagina di questa epidemia, ci sarà il tempo per guardarsi indietro e capire come questa malattia sia emersa e come abbia diffuso la sua devastazione così velocemente in tutto il mondo e come tutti hanno reagito alla crisi». «La lezione appresa sarà essenziale per affrontare in modo efficace simili sfide che potranno emergere in futuro - ha concluso il capo dell'Onu - ma ora non è il momento. Come non è anche il momento di ridurre le risorse per le operazioni dell'Oms o di altre organizzazioni umanitarie che stanno combattendo il virus».

© RIPRODUZIONE RISERVATA