CORONAVIRUS

Coronavirus, diretta. New York, 783 morti in 24 ore. Usa, tutti gli Stati in emergenza. Johnson ai medici: «Mi avete salvato la vita»

Sabato 11 Aprile 2020
Coronavirus, Johnson fa grandi progressi. Oltre 100mila morti nel mondo, in Spagna frontiere chiuse fino al 25

Il coronavirus continua a mietere vittime: sono oltre 100 mila (102.525) i decessi nel mondo legati al nuovo coronavirus, secondo i dati aggiornati dell'università americana John Hopkins, mentre i casi confermati a livello mondiale sono 1.698.416. Gli Stati Uniti superano i 20.000 morti per coronavirus. I decessi sono 20.110. È quanto emerge dai calcoli del New York Times, che confermano il sorpasso dell'Italia da parte degli Usa, dove comunque il numero dei morti pro capite resta inferiore a quello italiano. «In Italia il virus ha ucciso 19.468 persone, circa 32 ogni 100.000. Negli Stati Uniti il numero di morti ogni 100.000 abitanti è di sei», osserva il New York Times. 

E Donald Trump ha approvato la dichiarazione di stato di calamità per il Wyoming a causa del coronavirus. Un via libera che per la prima volta nella storia americana fa sì che tutti e 50 gli stati americani siano sotto la dichiarazione di stato calamità.

Il capo della sanità americana, Jerome Adams, sotto attacco della comunità afroamericana alla quale ha chiesto di rispettare le linee guida per il contenimento del coronavirus. E soprattutto di non fumare, non bere e non assumere droghe. Le sue parole sono state considerate offensive dalla comunità afroamericana, di cui Adams è parte. Ma questo non lo ha messo al riparo dalle critiche considerato che il coronavirus sta colpendo duramente i neri e gli ispanici d'America. Rivolgendosi agli afroamericani, Adams ha detto: «non c'è nulla di sbagliato in voi» ma le disparita sociali sono alla base dell'elevato numero di contagiati fra i neri. Dalle accuse Adams si difende spiegando di aver usato termini con i quali è cresciuto quando ha parlato do «abuela» e «big momma».

Altri 643 morti nelle ultime 24 ore in Francia per il Covid-19, 353 negli ospedali e 290 nelle case di riposo. Il totale, secondo il direttore generale della Sanità, Jerome Salomon, è quindi di 13.832 morti. Continua per il 3/o giorno consecutivo il trend positivo del calo di pazienti in rianimazione. Oggi in tutta la Francia sono scesi a 6.883.

La salute del premier britannico Boris Johnson «continua a compiere progressi molto buoni». Lo riferisce un portavoce di Downing Street nell'ultimo aggiornamento sulle condizioni del primo ministro ricoverato da una settimana all'ospedale St. Thomas per il coronavirus e uscito da poco dalla terapia intensiva.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha ringraziato questa sera in un messaggio lo staff sanitario del St. Thomas Hospital, dove è ricoverato, per avergli «salvato la vita». «Non posso ringraziarli abbastanza, devo a loro la vita», ha detto il premier, citato dal Guardian, mentre trascorre la settima notte di ricovero nell'ospedale londinese dopo essere stato colpito dal coronavirus. Dopo essere stato ricoverato domenica scorsa, il primo ministro è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva, dove ha trascorso tre giorni e ha ricevuto un sostegno respiratorio non invadente, cioè non è stato intubato, prima di essere nuovamente portato nel reparto generale. 

In precedenza una fonte di Downing Street aveva riferito a Sky News che Johnson, oltre alle brevi passeggiate in reparto, si è concesso anche qualche gioco e dei film, tra i quali la trilogia del Signore degli Anelli e la commedia cult degli anni 80 Withnail and I (in italiano 'Shakespeare a colazionè). La fidanzata Carrie Symonds, al sesto mese di gravidanza, gli scrive lettere e gli spedisce le ecografie del bambino per «tirargli su il morale», rivela ancora la fonte. I due non si vedono dal giorno in cui Johnson è stato ricoverato in ospedale, una settimana fa. 

Coronavirus, Conte: «No al Mes, Eurobond o non firmo». La lite con Salvini e Meloni
Covid19 a Roma e nel Lazio, fase due: ecco il piano con visite e tamponi a domicilio

New York, 783 nelle ultime 24 ore. Dato in aumento rispetto alle 777 vittime del 9 aprile. È il quinto giorno consecutivo che lo stato di New York conta più di 700 morti al giorno: il 6 aprile 731, il 7 aprile 779, l'8 aprile 799, il 9 aprile 777 e il 10 aprile 783. Lo afferma il governatore Andrew Cuomo, sottolineando che il numero dei morti complessivi nello stato a causa del coronavirus è di 8.627. Il numero di morti per coronavirus negli Stati Uniti supera quello dell'Italia. Secondo i calcoli dell'agenzia Bloomberg e quelli riportati dal Washington Post, il numero dei decessi negli Stati Uniti è superiore ai 19.400 a fronte dei 18.849 dell'Italia. Bloomberg stima 19.563 morti negli Stati Uniti, mentre il Washington Post parla di 19.424. 

L'Algeria ha registrato nelle ultime 24 ore altri 64 nuovi casi di coronavirus, che portano a 1.825 il bilancio dei contagiati totali nel Paese. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Algeri in un comunicato della Commissione speciale per monitorare il diffondersi della malattia, precisando che i decessi sono ormai 275. Aumentano anche i guariti, che passano a 460. 1722 i pazienti trattati con farmaci alla clorochina. 

Belgio, oltre 300 morti in 24 ore. Nelle ultime 24 ore il Belgio ha registrato 327 nuovi decessi dovuti al Covid-19, di cui 106 negli ospedali e 219 in case di riposo. Il totale dei deceduti sale quindi a 3346. I nuovi contagiati sono 1.351, che porta a 28.018 il numero complessivo dei positivi. La maggior parte dei casi si trova nelle Fiandre (16.140 casi, cioè il 58%), seguiti dalla Vallonia (8.468 casi, il 30%) e Bruxelles (2.991 casi, l'11%).

Blocco senza precedenti a Phuket. Misure di blocco straordinarie nella famosa isola turistica di Phuket, in Thailandia, che registra il maggior numero di casi di contagio tra le 77 province del Paese. Lo riporta la Cnn sottolineando che le autorità locali hanno imposto un blocco senza precedenti. Secondo i dati del governo, l'isola registra 38,95 casi per ogni 100.000 persone, rispetto ai 21,90 di Bangkok. «Non ci sono motoscafi, le strade e le spiagge sono vuote e ci sono pochissimi turisti: non l'ho mai vista così, nemmeno dopo lo tsunami del 2004», racconta un residente. Complessivamente, la Thailandia ha riportato finora 2.473 contagi e con 33 morti accertati.

Contagio rallenta in Spagna. In Spagna prosegue il rallentamento dell'epidemia di coronavirus. Il ministero della sanità, rende noto El Pais, riporta che nelle ultime 24 si registrano 510 nuove vittime, in calo rispetto alle 605 di venerdì: è l'aumento più contenuto dal 23 marzo. Il numero di contagi è di 161.852. Le persone guarite sono 59.109. Il governo spagnolo ha prorogato di due settimane, fino al 25 aprile il controllo alle frontiere terrestri con Francia e Portogallo. Lo ha annunciato il ministero dell'Interno, riporta l'agenzia Efe. L'ordinanza, firmata dal ministro Fernando Grande Marlaska, entrerà in vigore a mezzanotte, e «può essere soggetta a nuove proroghe in caso di necessità». Il ristabilimento dei controlli alle frontiere interne è entrato il vigore il 17 marzo per contenere la diffusione del coronavirus. In base a questa misura è permesso l'accesso al territorio nazionale solo a cittadini spagnoli, persone residenti in Spagna, lavoratori transfrontalieri e a chi è autorizzato per motivi di forza maggiore o situazioni di necessità. 

Negli Stati Uniti 2100 morti in 24 ore. Mai così tanti decessi a causa del coronavirus in un solo giorno negli Stati Uniti. Le autorità americane hanno annunciato che sono stati registrati oltre 2.100 morti nelle ultime 24 ore, con un bilancio totale di 18.747 decessi. I contagi complessivi sono poco più di 500mila mentre le persone guarite sono 27.314. Lo Stato più colpito dalla pandemia è quello di New York con oltre 170mila casi e 7.844 morti.

Pubblicato decreto Usa per assistenza a Italia. Donald Trump pubblica il memorandum per offrire assistenza all'Italia per il Covid-19. Nel decreto del presidente americano si fa riferimento come uno degli «alleati più stretti e di vecchia data» degli Stati Uniti, un'Italia alla quale il coronavirus ha reclamato più di 18.000 vite umane, ha spinto - si legge nel testo - il sistema sanitario vicino al collasso e che minaccia di far scivolare l'economia in una profonda recessione. 

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 10:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA