CORONAVIRUS

Coronavirus diretta: Spagna supera l'Italia, 125mila casi. In Gran Bretagna e New York record di morti

Sabato 4 Aprile 2020
1
Coronavirus diretta: in Gran Bretagna oggi 708 morti. Oms: sempre più giovani si ammalano e muoiono

Coronavirus, sono 60mila le vittime del Covid19 nel mondo e sono Italia, Usa e Spagna i Paesi più colpiti secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University. L'Oms nel frattempo evidenzia che sono sempre di più i giovani che si ammalano e muoiono a causa del Covid19, mentre il virus torna a creare allarme nuovamente nei paesi Orientali. Il Giappone conta oggi 300 nuovi casi, mai così tanti in 24 ore, mentre il virus fa registrare altri 94 casi, con 3 morti, in Corea del Sud, Paese che pensava di essersi lasciato alle spalle il dolore dei lutti a causa del coronavirus.

Coronavirus, divieti violati, boom di multe: «Così si fa ripartire il virus»

Coronavirus, la discesa ancora non c’è: «Ma il Centro-Sud resiste»

Gran Bretagna: 708 morti in 24 ore, nuovo record di vittime. Nuovo record di 708 morti in più in 24 ore negli ospedali del Regno Unito per coronavirus (contro i 684 indicati ieri), secondo gli ultimi dati aggiornati del ministero della Sanità britannico diffusi oggi. I decessi totali registrati salgono a 4.313, mentre i contagi passano da 38.168 a 41.903, con un incremento giornaliero di poco più di 3700 inferiore rispetto ai 4.450 di ieri. I test eseguiti nel Paese toccano infine i 183.190, con un ritmo quotidiano che scende seppur di poco sotto quota 10.000.

Triste record anche e New York Nuovo triste record per New York con 630 persone morte in un giorno a causa del coronavirus. Lo ha reso noto il governatore dello stato Andrew Cuomo. In totale le vittime nello Stato sono 3.565. I casi di persone risultate positive al test sono 113.704, di cui oltre 63.000 nella città di New York.

Spagna
La Spagna non abbassa la guardia contro il coronavirus e proroga il lockdown fino al 26 aprile. Perché se il superamento del picco appare vicino, ora ci sono più casi che in Italia. 

La Spagna è il secondo malato più grave nel mondo, dietro agli Stati Uniti. I casi accertati sono quasi 125.000, 11.744 i morti. Ma c'è una tregua: 809 nuove vittime nelle ultime 24 ore sono la cifra, seppure enorme, più bassa della settimana. Anche i nuovi contagi ed i ricoveri (compresa la terapia intensiva) si confermano in flessione. Le autorità sanitarie intravedono un «raggio di speranza», ma allo stesso tempo hanno chiesto di restare «vigili».

Pedro Sanchez, seguendo l'indicazione, ha deciso di prorogare di ulteriori due settimane le misure restrittive, per la terza volta in 15 giorni. Per il premier si tratta della «grande crisi delle nostre vite». Ed anche se «nei prossimi giorni si potrà piegare la curva dell'epidemia», la popolazione deve resistere ancora un pò in casa. Nel frattempo si lavora ad un piano di «de-escalation» ma la nuova fase «non sarà più morbida», ha avvertito Sanchez. E bisogna contenere l'emergenza delle case di cura che ospitano le persone più vulnerabili. Dati non ufficiali riportano che almeno 3.600 vittime provengono da quelle strutture, che secondo i sindacati hanno scarse attrezzature di protezione.

Giappone, più di 300 casi in 24 ore: è la prima volta. Per la prima volta dall'inizio dell'emergenza coronavirus, il Giappone segnala più di 300 nuovi casi di Covid-19 in un giorno. Secondo i dati delle autorità sanitarie rilanciati dalla Cnn, ieri si sono registrati 314 nuovi casi, 89 dei quali a Tokyo, e sei decessi. Il bilancio ufficiale parla di 89 morti compresi i passeggeri deceduti della nave da crociera Diamond Princess che a febbraio è stata per due settimane in quarantena nel porto di Yokohama. Stando all'agenzia Kyodo, il bilancio complessivo del Giappone è di 3.837 casi, compresi i 712 della Diamond Princess. Il maggior numero di casi, precisa la Kyodo, si registra a Tokyo dove i contagi sono almeno 773. Qui la situazione è «sempre più grave», ha detto ieri la governatrice Yuriko Koike, che da giorni chiede agli abitanti di rimanere in casa.

Corea del Sud: altri 94 casi e 3 vittime. La Corea del Sud segnala altri 94 casi di coronavirus e il numero totale di contagi nel Paese sale così a 10.156. È invece di 177 il bilancio dei morti con coronavirus, dopo che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) hanno confermato il decesso di altre tre persone. Più della metà delle vittime, hanno precisato le autorità sanitarie, aveva almeno 80 anni. La zona più colpita resta quella di Daegu, a circa 300 km da Seul, dove si sono registrati 27 dei 94 nuovi casi. Nella capitale, stando ai dati riportati dall'agenzia Yonhap, sono 528 i casi confermati, 22 in più in 24 ore. La Corea del Sud registra inoltre altri 41 casi 'importatì e il totale sale così a 688. Ad oggi sono 455.032 le persone che in Corea del Sud sono state sottoposte ai test per la Covid-19 dall'inizio dell'emergenza.

Corea del Sud: primo medico morto. La Corea del Sud piange il «primo medico» morto a causa della pandemia di coronavirus. Heo Yeong-gu, medico internista nella zona di Gyeongbuk, è morto ieri dopo essersi ammalato a febbraio, come hanno confermato i Centri di controllo e prevenzione delle malattie (Kcdc), secondo quanto riporta la Cnn. «È un fatto terribilmente triste», ha twittato il presidente sudcoreano Moon Jae-in, parlando della «prima morte di un nostro medico che ha contratto il coronavirus mentre curava i pazienti». Moon si è detto «terribilmente colpito dal dolore». In Corea del Sud sono 177 i morti con coronavirus e 10.156 i casi di Covid-19.

Oms: sempre più giovani si ammalano e muoiono. Un crescente numero di persone giovani o comunque sotto i 60 anni si sta ammalando gravemente o sta morendo a causa del coronavirus: lo ha detto Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico del programma per le emergenze dell'Oms, secondo quanto riporta l'Independent. «Stiamo vedendo un maggior numero di persone più giovani gravemente malate», ha affermato l'esperta. «Nel complesso gran parte delle persone affette gravemente da questa malattia e ricoverate nei reparti di terapia intensiva sono più anziane e sono persone con malattie pregresse - ha proseguito -. Ma in alcuni Paesi stiamo vedendo individui sulla trentina, la quarantina e la cinquantina che vengono ricoverati in terapia intensiva e muoiono». Come è noto, il virus non risparmia nemmeno i bambini. Finora, tra gli altri, un bimbo è morto negli Usa, uno nel Regno Unito e una bambina in Belgio. Inoltre, un neonato è morto nello Stato dell'Illinois e sono decine i bambini nel mondo risultati positivi ai test.

Israele, 42 morti e si sfiorano 7.600. Sono 42 i morti con coronavirus in Israele, dove i casi confermati sono almeno 7.589. Il Times of Israel riporta stamani del decesso di una 88enne all'Ichilov Medical Center di Tel Aviv e di una 67enne al Soroka Medical Center di Beersheba, entrambe con patologie pregresse. I dati del ministero della Sanità di Tel Aviv parlano di 115 pazienti in condizioni gravi e di 427 israeliani guariti dopo aver contratto la Covid-19. Ieri è stata trasferita da Ashdod a Tel Aviv la 22enne israeliana che si è ammalata a causa della diffusione del coronavirus. Le sue condizioni vengono descritte come «serie»: è la paziente più giovane ricoverata in Israele.

Usa, nuovo record di morti in un giorno: 1.480. Nuovo record mondiale di decessi per il coronavirus in un giorno per gli Usa, che in 24 ore hanno visto morire 1.480 persone: oltre 7.400 in totale le vittime nel Paese. «Lasceremo la decisione sull'ordine ai cittadini di stare a casa ai singoli governatori di ogni Stato», afferma Trump escludendo un ordine nazionale. Tre minuti di silenzio oggi in Cina per commemorare le vittime e i 'martiri' del coronavirus.
 

 
 
 

Ultimo aggiornamento: 21:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani