Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cina, i jet in volo una strategia contro gli alleati Usa: rischio incidente (e ipotesi escalation), ​perché proprio adesso?

Oggi a Singapore l'incontro tra il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin e la sua controparte cinese Wei Fenghe a margine dei lavori dello Shangri-la Dialogue, l'annuale summit sulla difesa e la sicurezza nell'Asia-Pacifico

Cina, i caccia in volo e la strategia contro gli alleati Usa: perché proprio ora? Il rischio incidente e l'ipotesi escalation
7 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Giugno 2022, 11:42 - Ultimo aggiornamento: 23:28

Gli aerei da guerra cinesi di Singapore stanno prendendo di mira gli alleati degli Stati Uniti in un "gioco del pollo", considerato ad alto rischio nell'area dell'Asia-Pacifico che rischia di perdere il controllo, aumentando il rischio di un incidente che potrebbe innescare la guerra. Lo rivela la Cnn in un'analisi a poche ore dell'incontro che avverrà oggi a Singapore tra il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin e la sua controparte cinese Wei Fenghe a margine dei lavori dello Shangri-la Dialogue, l'annuale summit sulla difesa e la sicurezza nell'Asia-Pacifico. Si tratta del primo faccia a faccia tra i due dopo la prima telefonata avvenuta appena poche settimane fa.

Il segnale di Pechino

Secondo gli analisti americani le manovre sempre più aggressive dei caccia cinesi - accusati di aver messo in pericolo sia gli aerei che l'equipaggio canadesi e australiani nelle scorse settimane - rappresentano il segnale di come Pechino stia spingendo le sue rivendicazioni territoriali a un nuovo livello, giudicato pericoloso. Ed è proprio la minaccia che questa capacità di manovra si trasformi in un conflitto, forse in seguito all'eventuale abbattimento di un aereo da guerra, sarà al centro dei pensieri dei due protagonisti del più grande vertice sulla difesa dell'Asia. Tutti gli occhi saranno puntati sul segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin e sul suo omologo cinese, Wei Fenghe, che parleranno entrambi alla conferenza sulle loro visioni per la sicurezza nella regione per poi incontrarsi in serata per i colloqui bilaterali.

 

Alti funzionari della difesa degli Stati Uniti hanno affermato che Washington si concentrerà in parte sulla «posizione di guard rail nelle relazioni», ha affermato un funzionario, mentre chiede meccanismi di comunicazione di crisi più maturi per garantire che la crescente competizione tra le due potenze mondiali preminenti non si intensifichi in conflitto. «Una delle regole di base che miriamo a stabilire con la Cina è che caratterizzeremo la nostra posizione e loro potranno caratterizzare la loro», ha affermato il funzionario. «Penso che stiamo facendo ogni sforzo per garantire che questo sia un incontro professionale e sostanziale».

Dall'esterno gli analisti osserverano i risultati del summit per comprendere meglio il motivo per cui la Cina ha intensificato la sua aggressione e se questo rappresenta un nuovo fronte in quello che molti chiamano già il conflitto in zona «zona grigia». Peter Layton, un membro del Griffith Asia Institute in Australia, è tra i tanti che affermano che le recenti azioni della Cina rappresentano una escalation «pericolosa» di tali tattiche. Nelle sue parole «è ora di essere allarmati, non solo vigili».

La zona grigia

Le azioni nella zona grigia sono parole militari traducibili in azioni coercitive, volte al raggiungimento di obiettivi politici nazionali, che non sono all'altezza della guerra vera e propria. Molti analisti usano il termine per descrivere le azioni di Pechino nel Mar Cinese Meridionale. La Cina ha passato anni a trasformare isole remote e oscure scogliere in aree contese del mare, in basi militari fortificate e piste di atterraggio ed è stata anche accusata di utilizzare pescherecci per rivendicare un territorio come proprio. La Cina continua a rivendicare la stragrande maggioranza del mare di 1,3 milioni di miglia quadrate, dove ha controversie territoriali con vari altri paesi, nonostante un tribunale internazionale storico si sia pronunciato contro le sue affermazioni nel 2016.
 

Le aggressioni

A fine maggio 30 aerei militari cinesi, tra cui 22 jet da combattimento, hanno fatto un'incursione nell'area di difesa di identificazione (Adiz) di Taiwan, provocando la reazione dell'aeronautica. Dopo le tensioni sulle parole del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sulla difesa di Taipei in caso di attacco cinese, la prova di forza di Pechino è la più grande dai 39 aerei del 23 gennaio scorso. In risposta Taiwan ha organizzato una pattuglia aerea da combattimento, ha inviato allarmi radio e ha schierato sistemi missilistici di difesa per tracciare gli aerei militari cinesi. 

Perché adesso e cosa succede ora

Ma perché questa tensione avviene proprio ora? Secondo gli analisti della Cnn è una partita che Pechino crede di vincere perché non è preoccupata per la possibilità di una escalation, ma sa che i Paesi occidentali lo sono e aggiungono che «i cinesi non credono in un'escalation involontaria». «Se c'è un incidente, i cinesi o vogliono combattere una guerra e lo faranno o non lo faranno e non lo faranno», ha affermato Oriana Skylar Mastro, un'esperta dell'esercito cinese e un collega non residente presso l'American Enterprise Institute. «Dal loro punto di vista, non ha alcun senso che tu venga spinto in una guerra che non vuoi combattere. Si stanno impegnando in questi comportamenti rischiosi e poi dicono (agli avversari), sarebbe più sicuro per te se non fossi qui». Se è così, allora perché adesso? Mastro e altri esperti hanno affermato che è significativo che la Cina abbia finora scelto alleati degli Stati Uniti, piuttosto che gli Stati Uniti stessi, per questo «gioco del pollo». Potrebbe essere la strategia di Pechino per cercare di spezzare una coalizione di partner del Pacifico assemblata dagli Stati Uniti, ha affermato Timothy Heath, ricercatore senior della difesa internazionale presso il think tank RAND Corp. La Cina ha notato la crescente importanza che Washington sta attribuendo al Quad - l'alleanza informale con Australia, India e Giappone che ha tenuto due vertici nell'ultimo anno - e le dichiarazioni degli Stati Uniti sulla costruzione di coalizioni per sostenere Taiwan, l'isola democraticamente autogovernata che Pechino considera parte del suo territorio e ha minacciato di prenderla con la forza se necessario. Qualunque sia la motivazione dietro l'aggressione le possibili soluzioni diplomatiche finora sembravano scarse, ha detto Drew Thompson, un ex funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e ricercatore senior in visita presso la Lee Kuan Yew School of Public Policy dell'Università Nazionale di Singapore. «Il prossimo passo è rendere tutto pubblico e fare un po' di pressione sulla Cina», ha detto.

Il summit a Singapore

Austin e Wei si incontreranno a Singapore, nel giorno di inizio dello Shangri-La Dialogue che si concluderà domenica: i colloqui tra i due saranno «i primi in persona tra i ministri della Difesa di Usa e Cina da quando Austin è entrato in carica», ha riferito l'emittente statale cinese Cctv. I colloqui offriranno un contatto diretto tra i vertici delle forze armate dei due Paesi, avendo una ricca agenda dei lavori tra la guerra in Ucraina e Taiwan, l'isola che la Cina rivendica come suo territorio da riunificare anche con la forza, se necessario. Pechino ha già protestato con veemenza in merito all'impegno inaspettatamente schietto e diretto espresso a maggio dal presidente americano Joe Biden sulla difesa di Taipei in caso di attacco cinese. Il caso dell'Ucraina, con il ricorso della Russia alla forza militare, ha creato un pericoloso precedente e ha fatto aumentare la percezione delle minacce in tutta l'Asia, rendendo calamità geopolitiche prima ritenute improbabili come possibili.

Taiwan, in questo scenario, è il potenziale punto critico più ovvio in una regione lacerata da potenziali tensioni, nel mezzo delle rivendicazioni di Pechino nel mar Cinese meridionale e orientale che si scontrano con quelle dei Paesi vicini. Lo Shangri-La Dialogue, tornato dopo due anni di fila di assenza per la pandemia del Covid-19, potrebbe fornire elementi utili sul pensiero di Pechino con l'intervento di Wei, atteso domenica. Prima dell'aggressione dell'Ucraina, l'intelligence americana riteneva possibile un'invasione cinese dell'isola nei prossimi 6-10 anni. Nel 2019, il presidente Xi Jinping espose il suo piano in modo inequivocabile dicendo di «non rinunciare all'uso della forza e di riservarsi la possibilità di prendere ogni misura necessaria» per la riunificazione. Questo, spiegò, «per proteggersi dalle interferenze esterne e dal numero esiguo di separatisti e dalle loro attività per l'indipendenza di Taiwan». In Asia, il Giappone è uno dei più convinti sostenitori di Taipei: il premier Fumio Kishida, non a caso, terrà il discorso di apertura a Singapore sulla sicurezza nella regione e su un 'Indo-Pacifico libero e apertò.

© RIPRODUZIONE RISERVATA