Hipster, i nostalgici intellettuali coi baffi. In un ebook tutti i dettami del look del momento

Martedì 6 Agosto 2013
Hipster dixit. Manuale per diventare un hipster con i baffi di Camilla Sernagiotto, illustrazioni Luca Martelli

ROMA - Gli hipster, tra i fenomeni culturali e sociali del momento, sono un intreccio di diverse tendenze e mode, avvicendatesi nei decenni passati, nato negli Stati Uniti e molto presente a Londra, Parigi, Berlino. Ora in diffusione in Italia. Sui 30 anni, dal pensiero indipendente, vicino alla contro-cultura, alla politica progressista, l'hipster apprezza l'arte e la musica indie-rock, la creatività, l'intelligenza e l'ironia delle battute argute. La cifra fondamentale che lo contraddistingue, però, è estetica. L'hipster rifiuta il mainstream, ci tiene a essere più alternativo possibile (ma senza scadere nel cheap) e spesso si rifugia in un look da modernariato, ispirandosi principalmente agli anni Ottanta e Novanta: indossa t-shirt stampate, jeans attillati, scarpe da ginnastica old style e gli occhiali dalla montatura spessa. Volete sapere se conoscete un hipster o essere sicuri di aver fatto abbastanza per diventarlo? È appena uscito, per la collana Le Meraviglie di Fazi Editore, l'ebook interattivo «Hipster dixit. Manuale per diventare un hipster con i baffi», un modo per sapere cosa ascoltare, come vestirsi, quali pellicole guardare, che libri leggere, quali posti frequentare e cosa mangiare per essere parte della tendenza. L'autrice, la giornalista Camilla Sernagiotto, ricostruisce per la prima volta tutte le caratteristiche e le evoluzioni della moda hipster, indicandone e spiegandone le parole chiave: baffi, occhiali, camicie a quadri, cupcake, bretelle, biciclette a scatto fisso, MacBook, skate, indie rock, Sundance Festival. A fine lettura questi intellettuali un po' nostalgici che amano fare shopping in boutique vintage o mercatini dell'usato, comprare dischi in vinile, guardare film d'essai, mangiare cibi biologici e sperimentare tutto lo sperimentabile, non avranno più segreti.

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 22:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti